dalla Home

Test

pubblicato il 3 gennaio 2018

BMW i3s, oltre al look c'è il tasto Sport

Più grintosa e appariscente, concede qualche sfizio in più grazie ai 14 CV extra e alla nuova modalità di guida

Galleria fotografica - BMW i3sGalleria fotografica - BMW i3s
  • BMW i3s - anteprima 1
  • BMW i3s - anteprima 2
  • BMW i3s - anteprima 3
  • BMW i3s - anteprima 4
  • BMW i3s - anteprima 5
  • BMW i3s - anteprima 6

La traccia che utilizziamo per le nostre prove è basata su quattro capitoli: com’è, come va, curiosità e quanto costa. Per la BMW i3 dovremmo aggiungerne un quinto, cos’è, visto che ancora oggi non è facile dare un’etichetta a questo modello: ha le dimensioni di una utilitaria ma sembra una piccola monovolume, punta sull’efficienza ma strizza l’occhio alle sportive. In particolare nella versione i3s, da poco in vendita, più decisa nel look e con un motore potenziato: ha 184 CV contro i 170 CV della i3 normale.

Com’è

Per sintetizzare potremmo definire la i3 un’elettrica, ordinabile a richiesta con un piccolo motore a benzina (chiamato range extender) che fa aumentare le percorrenze. In realtà questo modello ha diverse raffinatezze che farebbero invidia ad una sportiva, visto che il pianale è in alluminio e la scocca in plastica rinforzata con fibra di carbonio. L’utilitaria è in vendita da quattro anni e nelle scorse settimane ha ricevuto una serie di piccoli aggiornamenti, in particolare all’interno (cambia lo schermo del sistema multimediale), che coincidono con l’arrivo della versione sportiva i3s. La s ha un look più deciso e particolari dedicati, come ad esempio il fascione ridisegnato, le luci diurne a led orizzontali e dettagli a contrasto, oltre ad alcune migliorie per la tecnica: l’assetto è ribassato di 1 cm e la distanza in larghezza fra le ruote cresce di 4 cm. A ciò si aggiungono i nuovi pneumatici, più larghi di quelli montati sulla i3: i tecnici della casa tedesca hanno lavorato in questa direzione per aumentare la stabilità in cura. Le novità mettono in evidenza il carattere sportivo della i3s, che ha inoltre un motore potenziato di 14 CV, più brioso anche se più “assetato”: la i3s copre lo 0-100 km/h in 6,9 secondi (sono 7,3 secondi sulla i3) e raggiunge i 160 km/h (contro 150 km/h), ma richiede più energia nel test che simula il consumo medio sui 100 km (14,3 km/l contro 13,1 km/l).

Come va

Le dimensioni contenute (è lunga 4,01 metri) e il peso ridotto (1.265 chili) rendono la BMW i3s molto svelta nel traffico, frangente in cui si apprezza la possibilità di guidare spesso con un pedale solo: il sistema che recupera energia nei rallentamenti applica una sorta di freno motore non appena si toglie il piede dall’acceleratore e questo fa decelerare l’auto piuttosto bruscamente, anche in rettilineo, quindi Il freno si usa solo in casi improvvisi o cercando le staccate su una strada ricca di curve. In ogni caso è proprio fuori dalla città che si apprezzano i cambiamenti della i3s. L’utilitaria riprende velocità in un baleno ed è molto reattiva, complici altre due grandi novità all’esordio: è disponibile la modalità di guida Sport e arrivano nuovi controlli elettronici, studiati per concedere maggiori libertà a chi vuole divertirsi fra le curve. Con la BMW i3s è possibile ad esempio lasciare il posteriore libero di slittare per chiudere meglio le traiettorie, sfruttando la risposta della trazione posteriore e l’immediatezza del motore, che va usato con attenzione pena il rischio di veder scendere rapidamente l’autonomia residua delle batterie. La BMW dichiara una percorrenza massima di 300 chilometri, che non siamo riusciti a confermare o smentire nel corso della nostra prova, ma nel nostro Roma-Forlì avevamo dimostrato che l'autonomia a batterie della i3 può raggiungere con qualche attenzione i 190 km.

Curiosità

Fra le novità all’esordio sulla BMW i3s c’è anche un rinnovato schermo a sfioramento da 10,25 pollici nella plancia, costoso (2.070 euro) ma più risoluto che in precedenza e dotato di funzioni inedite: il menu principale è formato da una serie di sottomenù a forma di mattonelle ed i comandi vocali sono più precisi rispetto a prima. Il navigatore satellitare integrato fornisce aggiornamenti in tempo reale sulle condizioni del traffico e calcola l’arrivo dei mezzi pubblici, in maniera da coglierli al volo se la destinazione programma non è raggiungibile in base allo stato di carica delle batterie.

Quanto costa

L’allestimento S comporta una maggiorazione di 3.650 euro rispetto alla normale BMW i3, che parte da 39.619 euro (per la S servono 43.269 euro). La dotazione di serie include le ruote da 20 pollici, la chiamata d’emergenza in caso di incidente, il regolatore di velocità, l’accensione automatica dei fari e gli aggiornamenti live sulle condizioni del meteo, ma si pagano a parte la telecamera posteriore di parcheggio (430 euro), lo schermo da 6,5 pollici (1.020 euro) e la ricarica veloce delle batterie (1.640 euro).

Scheda

Motorizzazione provata: BMW i3s
Quando arriva: già in vendita
Quanto costa: 43.270 euro
Quanti CV ha: 184
Quanto consuma (ciclo combinato): 14,3 kWh/km
Quanta CO2 emette: 0 g/km
0-100 km/h: 6,9 secondi
Garanzia: 2 anni

Autore: Redazione

Tag: Test , Bmw , auto elettrica


Top