dalla Home

Eventi

pubblicato il 10 agosto 2017

Alla Modena Motor Gallery anche la Ferrari da 9 milioni di euro

E’ una 340 MM del 1953. Appuntamento nel weekend del 23 e 24 settembre

Alla Modena Motor Gallery anche la Ferrari da 9 milioni di euro
Galleria fotografica - Ferrari 340 MM 1953Galleria fotografica - Ferrari 340 MM 1953
  • Ferrari 340 MM 1953 - anteprima 1
  • Ferrari 340 MM 1953 - anteprima 2
  • Ferrari 340 MM 1953 - anteprima 3
  • Ferrari 340 MM 1953 - anteprima 4
  • Ferrari 340 MM 1953 - anteprima 5
  • Ferrari 340 MM 1953 - anteprima 6

Il 23 e 24 settembre ModenaFiere ospita la quinta edizione di Modena Motor Gallery, con le più belle Ferrari Scaglietti, assicurate per un valore di 35 milioni di euro, e la Ferrari 340 MM del 1953 da 9 milioni di euro. Presenze d’eccezione che ci sono grazie alla partecipazione del Museo Ferrari di Maranello, del Museo Enzo Ferrari di Modena, oltre che delle collezioni private di Righini, Stanguellini e Panini. Gli appassionati avranno da rifarsi gli occhi con la Ferrari 250 GTO originale del 1962 in lamiera, che avrà accanto il manichino verniciato in rosso, o la rarissima Ferrari 340 MM 1953 della quale sono stati prodotti soltanto due esemplari. Oggi vale 9 milioni di euro ed è caratterizzata da una lunga storia di successi e popolarità e considerata tra le più potenti vetture concepite da Ferrari, partecipò alla Mille Miglia nel 1953 con Villoresi Cassani e non si classificò a causa di un incidente ma nello stesso anno vinse l’International Trophy a Silverstone guidata da Mike Hawthorn. La mostra verrà realizzata grazie alla collaborazione del figlio di Scaglietti, Oscar, di diversi collezionisti e di Franco Bacchelli, uno dei più autorevoli carrozzai che ha lavorato con Sergio Scaglietti.

Gli appuntamenti di sabato e domenica

Sabato 23 settembre alle 17.00 appuntamento in piazza Roma davanti all’Accademia Militare con decine di auto Ferrari che formeranno una grande lettera “S” a simboleggiare l’iniziale di Scaglietti. L’evento si svolgerà in collaborazione con il Ferrari Club Italia. Domenica 24 settembre alle ore 11 si terrà invece un appuntamento molto particolare: rottami di auto e moto prestigiose, scocche, telai, parti di automobili famose saranno battuti all’asta per ridare loro la possibilità di rivivere. L’allestimento scenico sarà parte integrante dell’asta, e prenderà spunto dall’evento organizzato da Artcurial a Retromobile, a Parigi, due anni fa. Tra i lotti già presenti: un telaio originale Ferrari 250 GTE modificato ed una carrozzeria 250 GTE 1a serie del 1960 completa di porte, cruscotto e tappezzeria. All’asta anche un pezzo esclusivo: un prototipo De Tomaso donato dalla Collezione Umberto Panini, il cui ricavato sarà devoluto all’Unione Italiana Lotta Distrofia Muscolare (UILDM).

Si vendono anche le moto

Agli artigiani sarà riservato come sempre uno spazio importante e sarà possibile vederli all’opera, mentre all’esterno i privati proporranno la vendita di auto e moto e un ampio spazio sarà riservato a ricambi e accessori. Modena Motor Gallery è anche motociclismo, con una mostra dedicata alle Lambretta e un’esposizione di moto inglesi. In particolare, la galleria principale di Fiera Modena ospiterà ben venti esemplari di Lambretta che hanno segnato settant’anni di storia, e che saranno riunite grazie all'impegno di diversi collezionisti. Per la prima volta a Modena Motor Gallery sarà presente anche una mostra di moto inglesi tra le quali spiccano una BSA Gold Star DBD 34 del 1957, una Triumph Bonneville del 1961, una Velocette Venom del 1960, la Norton Commando Fastback 1971, la Ariel Square Four MKII del 1956, la Triton 650 del 1960 e la Triumph Speed Triple del 2003.

Autore: Redazione

Tag: Eventi , Ferrari , auto storiche


Top