dalla Home

Eventi

pubblicato il 29 ottobre 2009

Automotodepoca 2009: il collezionismo celebra il suo successo

A Padova migliaia di visitatori affollano lo show

Automotodepoca 2009: il collezionismo celebra il suo successo
Galleria fotografica - Automotodepoca 2009Galleria fotografica - Automotodepoca 2009
  • Automotodepoca 2009 - anteprima 1
  • Automotodepoca 2009 - anteprima 2
  • Automotodepoca 2009 - anteprima 3
  • Automotodepoca 2009 - anteprima 4
  • Automotodepoca 2009 - anteprima 5
  • Automotodepoca 2009 - anteprima 6

1.200 espositori, oltre 2.400 veicoli in esposizione di cui 1.200 in vendita. L'edizione 2009 della più importante rassegna italiana sul collezionismo di veicoli da collezione non ha tradito le attese. Per un intero weekend, dal 23 al 25 ottobre, padiglioni e aree riservate esterne di PadovaFiere hanno fatto la gioia degli appassionati: semplici curiosi desiderosi di toccare con mano le proporzioni di un settore complesso e articolato, proprietari insonni alla ricerca del pezzo mancante per completare il loro restauro, "bambini" di mezz'età giunti qui per scegliere il loro regalo della vita, un'auto d'epoca o una moto da acquistare. L'edizione 2009 sembra essersi dimenticata del periodo di crisi che sta vivendo un po' tutto il mondo: oltre 70.000 visitatori, il 20% in più rispetto al 2008.

Tre le aree tematiche presenti. La prima è stata dedicata alle case automobilistiche con relativi club, scuderie e registri di marca. Il Gruppo Fiat era presente in forze con una selezione di gioielli storici di grande valore (alcuni provenienti dal Museo Alfa Romeo di Arese) in compagnia degli ultimi modelli pronti a entrare in listino: la nuova Fiat 500C, l'Alfa MiTo quadrifoglio verde e l'Alfa 8C Spider. La presenza imponente di sodalizi riesce a coprire l'elenco dei costruttori dalla A alla Z: dal registro ufficiale Renault Alpine a quelli dedicati a Porsche 356, 914 e 911-912. Da quello delle NSU (Prinz e Ro80) al Mercedes 300 SL Club Italia. Dal Lamborghini Club Italia (che esponeva due Miura, una Gallardo Super Trofeo e un prototipo della Diablo GT), ai club di appassionati estimatori (e proprietari) delle ciclopiche auto americane degli anni 60 e 70 allo stand ufficiale dell'ASI, impreziosito da una rara Lancia Aurelia con carrozzeria Vignale.

Il secondo segmento riservato ai principali commercianti di auto nazionali e stranieri con i modelli più richiesti dagli appassionati; una valanga di proposte per solleticare tutti i portafogli possibili. Così in mezzo a un esercito di Porsche 356 o 911 di tutte le epoche (dagli esemplari in debito di un "pesante" restauro agli esemplari da concorso) si poteva rimanere incantati di fronte ad alcuni gioielli di valore collezionistico spropositato: dalla Fiat 8V Zagato, alla Ferrari 365 GTB/4 Daytona. Dalla Porsche 911 Carrera RS 2.7 (su due esemplari pendevano prezzi ben superiori a 150.000 euro) alla Cisitalia 202 Cabriolet di Pininfarina. Dalla rara De Tomaso Mangusta alla Ferrari F40. Passando attraverso Jaguar E Coupé e Cabrio, Lancia Delta Integrale (presente anche una 037 Martini in cerca di proprietario), Ferrari 308 a profusione, Abarth, Lotus, Lamborghini (Countach, Diablo, Murcielago, Jarama, Espada e Jalpa) e Maserati. La coppa dell'opulenza va a un venditore veronese giunto a Padova con la creme del suo showroom: due Pagani Zonda, una Ferrari Enzo, una Porsche Carrera GT, una Jaguar XJ220 e una Koenig Competition Evolution (famosa versione iper-tunizzata della Ferrari Testarossa: due turbo, 1.000 CV).

Il terzo polo di Automotodepoca 2009 è stato destinato alla ricambistica, memorabilia e modellistica d'autore. Completa la rassegna collezionismo e vintage, dedicato all'oggettistica raffinata e a quell'universo parallelo che ruota intorno al mondo delle vetture storiche. Con un pizzico di fortuna, non è anacronistico poter ricostruire da zero un'auto storica grazie alla pressoché completa disponibilità di ricambi disponibili come fondi di magazzino o abilmente ricostruiti dalle aziende specializzate: carburatori, teste, valvole, frizioni, pistoni, sedili, tessuti, parti di carrozzeria, scarichi, ruote, paraurti, fari... E poi fotografie, libretti uso e manutenzione, riviste, adesivi, decalcomanie, modellini in tutte le scale di riduzione, tute da lavoro e abbigliamento.
Coys incanta

Come ogni anno la casa d'aste Coys ha offerto uno dei suoi fuoriprogramma con una vendita all'incanto speciale. In vendita molti oggetti da collezione, per tutte le collezioni e tutte le tasche: cataloghi, orologi, poster e ovviamente, automobili. Reginetta della vendita una Lamborghini Miura in un affascinante abbinamento blu di carrozzeria / rame per le ruote. L'auto è sempre rimasta di proprietà del suo primo acquirente, facendone l'unica Miura "uniproprietario" al mondo: ha superato 650.000 euro di offerte ma non ha trovato un nuovo appassionato ed entusiasta possessore. In evidenza anche una Ferrari 308 con preparazione Facetti vincitrice di un campionato GT italiano nel 1978, una Fiat 508 appartenuta a Giuseppe Gilera e una Mercedes 300d Adenauer cabriolet (con carrello per il traino). Interessanti anche una Maserati 3500 GT iniezione, una Ferrari 365 GTS / 4 Daytona (ex coupé convertita in spider), un'Aston Martin International del 1930 e una Ferrari 550 Maranello FIA GT.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Eventi , auto storiche , aste


Top