dalla Home

Mercato

pubblicato il 28 ottobre 2009

Fisker: NINA a Wilmington

Ufficiale la cessione dello stabilimento GM dove dal 2012 saranno costruite 100mila ibride plug-in

Fisker: NINA a Wilmington
Galleria fotografica - Fisker KarmaGalleria fotografica - Fisker Karma
  • Fisker Karma - anteprima 1
  • Fisker Karma - anteprima 2
  • Fisker Karma - anteprima 3
  • Fisker Karma - anteprima 4
  • Fisker Karma - anteprima 5
  • Fisker Karma - anteprima 6

Fisker acquisterà lo stabilimento GM di Wilmington, nello stato del Delaware, per costruire dal 2012 la nuova famiglia anticipato in precedenza, lo stesso Henrik Fisker in visita nella giornata di ieri presso l'impianto fermo dalla scorsa estate insieme a Joe Biden, vice presidente degli Stati Uniti, e al governatore del Delaware, Jack Markell.

I posti di lavoro creati saranno 2mila direttamente all'interno della fabbrica e altri 3mila attraverso la filiera dei fornitori. Lo stabilimento di Wilmington dovrebbe raggiungere la produzione a regime nel 2014 con 100mila unità. La prima vettura sarà una berlina orientata alla famiglia il cui prezzo, al netto degli incentivi statali e fiscali promessi dall'amministrazione Obama, sarà di 39.900 euro. Si profila dunque una concorrente per la Chevrolet Volt, ma anche per la nuova vettura elettrica che la Tesla sta sviluppando. Quest'ultima, insieme a Ford, Nissan e alla stessa Fisker (528 milioni di dollari) sono gli unici Costruttori ad aver ricevuto fondi governativi, mentre GM e Chrysler ne hanno fatto domanda e sono ancora in attesa di risposta.

La cessione di Wilmington è ancora soggetta a valutazioni di rito - anche in relazione al fatto che il denaro ottenuto alla sua cessione - il cui ammontare non è stato rivelato, potrebbe andare nel monte che il giudice liquidatore della vecchia GM sta approntando per andare incontro alle richieste dei creditori. Non a caso, la notizia è stata accolta bene proprio dalle società che, su incarico della corte di New York, stanno curando la liquidazione del patrimonio di GM. Il denaro però potrebbe anche essere intascato dallo stato federale come prima tranche del prestito di circa 50 miliardi di dollari concesso a GM per salvarsi e ristrutturarsi.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Fisker


Top