dalla Home

Attualità

pubblicato il 1 ottobre 2009

Via libera da Bruxelles per 4 Grandi Opere

Sì a cantieri da 8,3 mld di euro. Matteoli: "Grande opportunità di lavoro"

Via libera da Bruxelles per 4 Grandi Opere

E' da Bruxelles che l'Italia ha ricevuto oggi il via libera per la realizzazione di 4 Grandi Opere. La Commissione Europea ha archiviato le procedure di infrazione sulle modalità di realizzazione di tre tratte autostradali per complessivi 8,3 miliardi di euro. "E' uno straordinario risultato - ha detto il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli - ottenuto grazie alle rassicurazioni che abbiamo fornito a Bruxelles alla Commissione e al lungo e paziente lavoro teso a trovare una soluzione per evitare un contenzioso che avrebbe potuto bloccare le 4 Grandi Opere o comunque ritardarne ulteriormente la loro realizzazione".

In dettaglio, spetterà ora alle Concessionarie SAT, CISA e Brescia-Padova aprire i cantieri in tempi rapidissimi per completare la tratta autostradale Valdastico sulla A31 Brescia-Padova, il prolungamento Parma-Nogarole Rocca sul cosiddetto collegamento TI-BRE (Tirreno-Brennero) e l'Autostrada A12 tra Rosignano e Civitavecchia. Via libera anche al Passante di Bologna, considerato dal Ministro Matteoli opera prioritaria, che serve a bypassare uno dei nodi più critici del Paese e che verrà realizzato con modalità in linea con il diritto comunitario, da concordare con la Commissione Europea e le parti interessate.

Inoltre, poter aprire a breve i cantieri per infrastrutture che superano gli 8,3 miliardi di euro - "tutti i capitali privati", come ha osservato Matteoli - "è una notizia molto positiva anche per l'economia e lo sviluppo del Paese", ha commentato, perché "si avranno benefici sull'occupazione oltreché nel settore dei Trasporti in considerazione che la rete autostradale risulterà più efficiente potendo contare su 380 km di collegamenti aggiuntivi".

Autore:

Tag: Attualità , unione europea , lavoro


Top