dalla Home

Mercato

pubblicato il 29 settembre 2009

Fiat fa l'upgrade alla Punto ed è "Evo"

Così dalla nave Cavour Sistino presenta l'evoluzione della specie Punto

Fiat fa l'upgrade alla Punto ed è "Evo"
Galleria fotografica - La presentazione della Fiat Punto EvoGalleria fotografica - La presentazione della Fiat Punto Evo
  • La presentazione della Fiat Punto Evo - anteprima 1
  • La presentazione della Fiat Punto Evo - anteprima 2
  • La presentazione della Fiat Punto Evo - anteprima 3
  • La presentazione della Fiat Punto Evo - anteprima 4
  • La presentazione della Fiat Punto Evo - anteprima 5
  • La presentazione della Fiat Punto Evo - anteprima 6

Evo come evoluzione, l'evoluzione di una specie automobilistica di successo. Nella spettacolare cornice della Nave Cavour, Lorenzo Sistino, Amministratore Delegato di Fiat Automobiles, cita Charles Darwin per presentare il restyling della Punto: "Non è la specie più forte che sopravvive, ma quella più adatta al cambiamento". E non v'è dubbio che in tutti questi anni la "specie Punto" si è dimostrata adatta a rispondere alle esigenze del mercato, come dimostrano i numeri: dal 1993 ad oggi è stata venduta in 7 milioni di esemplari in tutta Europa. Un successo non casuale, secondo Sistino, bensì frutto, della storica esperienza di Fiat nel campo delle piccole, dalle 600 e 127, fino alla Uno e quindi alla Punto che è giunta alla quinta generazione.

La Punto Evo è allora il restyling di un prodotto vincente che Fiat rilancia grazie ad un'operazione di perfezionamento generale. A parte la leggera rinfrescata stilistica, la Punto si è arricchita nella sostanza grazie a nuovi contenuti tecnologici e progettuali. Nel riassumere le novità salienti che caratterizzano la Evo (e vi rimandiamo all'articolo specifico per conoscerle in dettaglio), Sistino ha paragonato il restyling all'upgrade del software di un pc, "una nuova release più performante" e funzionale grazie al "download" di nuovi sistemi di sicurezza, equipaggiamenti di bordo e motori, gli inediti benzina Multiair e i diesel Multijet di seconda generazione. E sarà proprio questa metafora informatica a guidare la campagna di comunicazione delle prossime settimane.

Il lancio commerciale della Punto Evo è fissato per la prima metà di ottobre e Fiat ha annunciato un listino prezzi invariato rispetto a quello dell'attuale modello, nel rispetto del posizionamento della Punto come "l'auto per tutti". E del resto, in tempo di crisi, sarebbe stato inopportuno aumentare i prezzi. Piuttosto appare curiosa la scelta di mantenere in produzione anche l'attuale Grande Punto, seppur con una gamma semplificata, che si va ad affiancare all'ancora più collaudata, oltre che economica, Punto Classic.

Nella fase conclusiva della conferenza stampa, l'ad della Fiat ha parlato con soddisfazione dei risultati commerciali del Gruppo torinese, l'unico Costruttore che nel 2009 è riuscito ad aumentare i volumi in Europa incrementando la propria quota di mercato di quasi un punto (8,9%). A tale risultato hanno contribuito tutti i brand grazie all'aumento delle vendite in mercati esteri importanti come Francia, Austria, Polonia e Germania. Uno dei motivi principali, ha spiegato, Sistino è il rinnovamento della rete di vendita che conta ad oggi 1.500 dealer.

La Punto Evo nasce in questo contesto, positivo per Fiat, ma ancora molto incerto per l'economia italiana ed europea. Speriamo che l'evoluzione della specie funzioni, ma oggi nel mercato dell'auto ci vuole anche tanta fortuna. Con buona pace delle teorie di Darwin.

Autore:

Tag: Mercato , Fiat


Top