dalla Home

Attualità

pubblicato il 30 settembre 2009

Dossier Come si Fa

Un futuro senza incidenti stradali

L'ambizioso progetto potrebbe diventare realtà grazie all'aiuto dell'elettronica

Un futuro senza incidenti stradali
Galleria fotografica - Un futuro senza incidenti stradali Galleria fotografica - Un futuro senza incidenti stradali
  • Un futuro senza incidenti stradali  - anteprima 1
  • Un futuro senza incidenti stradali  - anteprima 2
  • Un futuro senza incidenti stradali  - anteprima 3
  • Un futuro senza incidenti stradali  - anteprima 4
  • Un futuro senza incidenti stradali  - anteprima 5
  • Un futuro senza incidenti stradali  - anteprima 6

Si può costruire un futuro senza incidenti stradali? E' a questa domanda che si sta cercando di rispondere con un ambizioso progetto chiamato Ko-FAS (sicurezza integrata tra i veicoli) lanciato dal Ministero Federale dell'Economia e della Tecnologia tedesco, in collaborazione con il Gruppo BMW e altri 19 partner tra cui costruttori, fornitori, università e centri di ricerca.

L'iniziativa - che può contare su un budget complessivo di 25,5 milioni di euro messi a disposizione dai partecipanti per una durata di quattro anni - ha l'obiettivo di aumentare la sicurezza stradale diminuendo drasticamente il rischio di collisioni, tramite una tecnologia intelligente. In pratica si tratta di sviluppare strumenti in grado di allertare il guidatore o agire direttamente sul comportamento della vettura sulla base delle condizioni stradali, climatiche e ai rischi di incidente.

Ko-Fase si divide in altri 3 progetti complementari, due dei quali diretti dal dipartimento di ricerca e sviluppo di BMW Group. Il primo viene chiamato Ko-TAG e serve a localizzare - tramite sensori wirless integrati nei veicoli e a disposizione delle persone - eventuali soggetti a rischio d'impatto (come ad esempio pedoni o ciclisti) in condizioni di scarsa visibilità. Il secondo, Ko-PER, punta invece sui processi di elaborazione dei dati riguardanti il traffico, in particolar modo quello degli incroci, "leggendo" in modo elettronico i cartelli stradali e le condizioni dell'asfalto.

I membri dell'ultimo progetto, Ko-KOMP, studieranno infine sistemi di protezione per veicoli che vengono attivati prima di una collisione imminente, sistemi il cui scopo è di prevenire del tutto la collisione o almeno di mitigare le sue conseguenze. In particolare, il progetto comprenderà lo studio di sistemi per espandere la capsula esterna del veicolo e per effettuare la tempestiva attivazione delle funzioni autonome del freno di emergenza.

Autore: Francesco Donnici

Tag: Attualità , Bmw , sicurezza stradale


Top