dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 25 settembre 2009

Volvo al Congresso Mondiale sui dispositivi di sicurezza

La tecnologia sulla futura S60 eviterà gli incidenti con i pedoni

Volvo al Congresso Mondiale sui dispositivi di sicurezza

Creare "un futuro senza incidenti" è l'obiettivo di Volvo, che ha parlato della sua strategia in materia di prevenzione degli incidenti in occasione del 16esimo Congresso Mondiale sui dispositivi di sicurezza intelligenti (World Congress on ITS), tenutosi a Stoccolma dal 21 settembre ad oggi con il supporto delle Istituzioni europee. Il Costruttore svedese, che vuole imporsi nel settore come "leader indiscusso" in materia di sicurezza - come ha detto Jan Ivarsson, capo della Safety Strategy Volvo - ha come prossimo obiettivo quello di equipaggiare le sue vetture con dispositivi in grado di evitare gli incidenti con i pedoni.

Attualmente il massimo della sicurezza Volvo si trova a bordo della XC60 e culmina con il sistema City Safety di serie (il dispositivo che permette all'auto di evitare un ostacolo frenando automaticamente fino ad una velocità di 30 km/h). La sua evoluzione sarà un sistema a doppio radar che permetterà di evitare l'impatto sia con le auto che con i pedoni, viaggiando ad una velocità inferiore ai 25 km/h. Questo dispositivo si chiamerà Auto Brake and Pedestrian Safety e debutterà sull'auto di serie che verrà sviluppata dalla S60 nel 2010.

"L'obiettivo a lungo termine è quello di offrire auto che non rimarranno mai coinvolte in incidenti", ha detto Thomas Broberg, esperto sicurezza Volvo, che ha ricordato come nel futuro bisognerà che le auto comunichino tra loro e con le infrastrutture. Per questo serve "l'appoggio delle istituzioni e un lavoro congiunto tra cotruttori per la definizione di un linguaggio comune", ha precisato, sottolineando come la Casa svedese è coinvolta già da tempo nel progetto euroFOT (Field Operational Tests).

Questo esperimento, appoggiato dall'Unione europea, coinvolge circa 100 Volvo V70 e XC70 e mira ad accrescere la comprensione dei meccanismi che legano il comportamento del guidatore all'auto e al traffico. Per riuscirci, ogni vettura è equipaggiata con telecamere che registrano i movimenti degli occhi e del corpo dei guidatori che poi vengono associati alle prestazioni dell'auto e alle condizioni di viabilità, con lo scopo di produrre una tecnologia che "capisca" l'uomo e lo aiuti a non commettere errori.

Volvo XC60 & City Safety

Attualmente il massimo della sicurezza Volvo si trova a bordo della XC60 e culmina con il sistema City Safety di serie (il dispositivo che permette all'auto di evitare un ostacolo frenando automaticamente fino ad una velocità di 30 km/h).

Autore:

Tag: Attualità , Volvo , sicurezza stradale , unione europea


Top