dalla Home

Tecnica

pubblicato il 23 settembre 2009

Volvo testa l'auto elettrica

Effettuati i primi crash test che renderanno sicura l'auto di domani

Volvo testa l'auto elettrica
Galleria fotografica - I Crash Test di Volvo sull'auto elettricaGalleria fotografica - I Crash Test di Volvo sull'auto elettrica
  • I Crash Test di Volvo sull\'auto elettrica	   - anteprima 1
  • I Crash Test di Volvo sull\'auto elettrica	   - anteprima 2

L'auto elettrica fa ormai parte dei piani aziendali della maggior parte dei Costruttori. In quest'ottica la Volvo, che si impegna da anni a mettere a punto soluzioni avanzate per la protezione degli occupanti (come dimostrò con il lancio della cintura di sicurezza a tre punti negli anni '50), sta lavorando a fianco dei produttori di batterie agli ioni di litio per individuare quali caratteristiche dovranno avere queste fonti di energia per equipaggiare le vetture senza recare troppi danni alle persone in caso di incidente.

I test che la Casa svedese sta effettuando sono sviluppati su diversi livelli: si va dalle simulazioni virtuali al computer fino alle ricostruzioni reali di impatto. Il know-how di base è quello che parte dalle attuali condizioni del traffico e il punto di riferimento per ogni prova sono gli elevati standard di sicurezza richiesti da Istituti come l'Euro NACP o l'Insurance Institute for Highway Safety (IIHS).

Ogni situazione di impatto simulata prende spunto dalla realtà e viene analizzata in 5 fasi: dalla normale condizione di guida fino all'incidente compiuto. A seguito delle prove si è concluso che, nel momento della collisione, per ridurne gli effetti negativi, la batteria deve essere ben protetta nella parte posteriore della vettura e posta il più lontano possibile dagli occupanti per evitare che questi vi entrino in contatto.

Per questo si è arrivati a dedurre che, in caso di danneggiamento e fuoriuscita di sostanze tossiche, queste vengano evacuate dall'abitacolo tramite speciali condotti. Inoltre, quando l'impatto è inevitabile, sono stati studiati degli appositi sensori che posti sulla batteria inviano al computer di bordo le informazioni necessarie per bloccare il sistema energetico e prevenire il rischio di un corto circuito. Infine, subito dopo la collisione, la batteria viene completamente isolata dal sistema elettrico dell'auto.

Autore:

Tag: Tecnica , Volvo , crash test


Top