dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 21 settembre 2009

Incentivi auto 2010: anche l'UNRAE è a favore

L'associazione dei costruttori esteri auspica anche un ampliamento delle categorie di auto incentivabili

Incentivi auto 2010: anche l'UNRAE è a favore

Si torna a parlare di incentivi per il settore auto e delle opportunità di rinnovo dopo le dichiarazioni dell'amministratore delegato di Fiat - Sergio Marchionne - che li ha definiti indispensabile per evitare il disastro. Sulla stessa lunghezza d'onda si è infatti dichiarata l'UNRAE per bocca del Direttore Generale, Gianni Filipponi: "La perdurante debolezza della situazione economica e del mercato dell'automobile in suggerisce un prolungamento degli ecoincentivi statali nel 2010, possibilmente con un ampliamento delle auto incentivabili a valori di CO2 più elevati, ricordando anche che il settore delle vendite a società è in forte sofferenza per via di una fiscalità molto più pesante di quella europea. Tutto ciò - conclude Filipponi - senza dimenticare le difficoltà delle concessionarie alle prese con una stretta creditizia da parte delle banche che a noi appare di difficile comprensione".

La palla torna al Governo il cui Ministro dello Sviluppo Economico italiano, Claudio Scajola, la settimana scorsa aveva risposto alle dichiarazioni di Marchionne parlando di "situazione auspicabile, ma di cui è ancora prematuro parlare".

La speranza di tutti gli addetti ai lavori del settore è che l'Italia segua l'esempio della Francia, primo mercato europeo ad adottare gli ecoincentivi e primo paese che ne ha già annunciato il rinnovo per il 2010. Gli aiuti statali francesi prevedono un bonus per le vetture che emettono fino a 160 g/km di CO2 e hanno consentito al mercato di registrare una crescita delle immatricolazioni del 3% nel mese di luglio e del 7% in agosto.

Autore: Francesco Donnici

Tag: Mercato , incentivi


Top