dalla Home

Attualità

pubblicato il 16 settembre 2009

Addio a Elio Zagato

Designer, Industriale, Pilota

Addio a Elio Zagato
Galleria fotografica - Elio Zagato: una vita di successiGalleria fotografica - Elio Zagato: una vita di successi
  • Elio Zagato: una vita di successi - anteprima 1
  • Elio Zagato: una vita di successi - anteprima 2
  • Elio Zagato: una vita di successi - anteprima 3
  • Elio Zagato: una vita di successi - anteprima 4
  • Elio Zagato: una vita di successi - anteprima 5
  • Elio Zagato: una vita di successi - anteprima 6

Nel 90°Anniversario del marchio si è spento ieri, all'età di 88 anni, Elio Zagato, che dal padre Ugo ereditò, sviluppandola, la celebrata carrozzeria milanese nata nel 1919.

Un imprenditore a tutto tondo, Elio Zagato: disegnava, costruiva e pilotava in corsa le sue realizzazioni, caratterizzate infatti - prima di tutto - dal pragmatismo di "chi sa". I suoi "vestiti" non hanno mai ceduto all'orpello ed al superfluo ma, al contrario, hanno saputo dare fascino all'essenziale: nella leggerezza della costruzione, nella quale alluminio e plexigass la facevano da padrone, nell'aerodinamica sempre spinta al massimo consentito dalle conoscenze del momento (suo il ricorso continuo alla coda tronca), ed infine nella manegevolezza che basso baricentro, contenimento di peso e dimensioni davano alle sue creazioni.Tocco del tutto personale, divenuto stilema di molti dei suoi modelli più celebri ed oggi ricercati è la doppia gobba sul tetto.

Meglio di ogni parola valgono comunque le immagini e la visione delle sue sculture aerodinamiche: dall'Aston Martin Zagato alla Giulia TZ 1 e 2 , dalla Giulietta SVZ ed SZ alla Maserati 6 ACG, dall'Alfa Romeo 1900 SSZ alla Ferrari 250 GTZ ed ancora dalla Fiat 8VZ, vettura alla quale era particolarmente affezionato, alle diverse Lancia Appia, Fulvia, Flavia e Flaminia per concludere, solo per ragioni di spazio, con le diverse Abarth Zagato.

Notevole anche come pilota, in un'epoca dove gli avversari si chiamavano Ascari, Fangio, Galluzzi, Nuvolari, Stagnoli, Maglioli, Cabianca e via dicendo Elio Zagato disputò, a partire dal 1947, oltre 150 competizioni aggiudicandosi 82 vittorie fra le quali una Targa Florio e un assoluto sul circuito dell'Avus nel 1955.

L'attività della celebre Carrozzeria viene oggi portata avanti dai figli Andrea e Marella Zagato oggi, nell'anno del 90°Anniversario del marchio, mantengono integra l'emozione delle Carrozzerie d'Atelier che Elio imparò da Ugo e promosse durante la sua brillante carriera».

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Attualità , VIP


Top