dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 settembre 2009

Sicurezza: le auto imparano dai camion

Mercedes all'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart

Sicurezza: le auto imparano dai camion
Galleria fotografica - Mercedes all'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e StoddartGalleria fotografica - Mercedes all'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart
  • Mercedes all\'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart - anteprima 1
  • Mercedes all\'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart - anteprima 2
  • Mercedes all\'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart - anteprima 3
  • Mercedes all\'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart - anteprima 4
  • Mercedes all\'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart - anteprima 5
  • Mercedes all\'eSafety Challenge. In pista anche Kovaleinen e Stoddart - anteprima 6

Le auto in passato hanno imparato molto dai mezzi pesanti in materia di sicurezza e continuano a farlo. E' con questa consapevolezza - ancora poco diffusa tra gli automobilisti - che ci si deve accostare agli odierni sistemi di assistenza alla guida dei veicoli industriali. L'occasione di conoscerli da vicino ci è stata offerta ieri dalla Mercedes che, durante il primo giorno dell'eSafety Challenge, ci ha permesso di provarli direttamente in pista a Vallelunga a bordo di uno dei suoi Veicoli Industriali. Ma non prima di aver assistito ad alcuni test drive esclusivi condotti da famosi piloti come, ad esempio, Heikki Kovaleinen e Susie Stoddart di Casa Mercedes, intervenuti all'evento insieme a colleghi di altre scuderie di Formula 1.

I VEICOLI INDUSTRIALI SONO SICURI PIU' DELLE AUTO
Quando si parla di sicurezza stradale non si può non parlare di mezzi pesanti, perché molti automobilisti li ritengono una delle principali cause di incidente. Niente di più sbagliato, almeno stando ai dati Istat. Una ricerca dell'Istituto di statistica dice infatti che in Italia gli incidenti nei quali sono coinvolti veicoli industriali rappresentano solo il 7% del totale. Inoltre, circa la metà degli incidenti gravi che coinvolgono gli autocarri sulle autostrade è evitabile. La metà degli autocarri utilizzati per questo test - eseguito su un totale di 1.000 trattori stradali Mercedes-Benz Actros nel biennio 2005/2006 - sono stati equipaggiati con diversi sistemi di assistenza alla guida ed è risultato che per i veicoli dotati di questo pacchetto di sicurezza, rispetto ai 500 trattori per semirimorchio con equipaggiamento tradizionale, il numero degli incidenti si è dimezzato. In caso di incidente, inoltre, il totale dei danni è risultato inferiore del 90%.

CAMION: QUI LA SICUREZZA ARRIVA PRIMA
Per trovare i più moderni sistemi di assistenza occorre prima salire a bordo di un camion e poi, dopo quasi un decennio, di un'auto. I dispositivi elettronici per evitare le principali tipologie di incidente, come il "tamponamento" e "l'uscita di carreggiata" vengono infatti solitamente studiati e messi a punto per i mezzi pesanti. Soltanto dopo alcuni anni questi dispositivi finiscono nell'equipaggiamento di una vettura, com'è successo - ad esempio - con il sistema di riconoscimento della corsia di marcia. E' così che oggi, nel caso di Mercedes, il massimo della prevenzione è rappresentato dall'Active Brake Assist. Il dispositivo, che avvia autonomamente la frenata se il conducente non reagisce prontamente ad un pericolo di collisione, è diverso rispetto a quello in uso oggi sulle autovetture: qui la frenata è al 100% elettronica e questo proprio perché, anche se l'Active Brake Assist non è sempre in grado di prevenire gli incidenti, applicando l'intera forza frenante riduce comunque la velocità di collisione e quindi la gravità delle conseguenze dell'impatto.

GUIDARE UN COLOSSO COME UNA SMART
Guidare un camion non è cosa "da tutti" i giorni per i non addetti ai lavori, ma può essere una cosa "per tutti", ragazze incluse. Assumere la giusta posizione di guida è molto semplice grazie al sedile che si autoregola in base al peso del guidatore e al volante regolabile, molto maneggevole e leggero grazie al servosterzo. A bordo l'elettronica è ovunque. Il pedale della frizione non c'è (come su una smart) e l'unico piede che deve lavorare è il destro. Il maggior sforzo è quello richiesto alla vista e ai sensi in generale visto che la forza fisica, per questo genere di mezzi, non è più richiesta come in passato: oggi serve solo in caso di carico-scarico merci e per salire sulla motrice (visto che è come arrampicarsi su una scala a pioli!). Quello che conta di più è l'attenzione ai numerosi specchietti retrovisori e la conoscenza dei dispositivi elettronici, come il buon uso della frizione elettronico-sequenziale, del freno a mano (che ha le sembianze e la manegevolezza di un joystick) e dei vari dispositivi che si comandano dalla consolle.
Parlando di sicurezza, i sistemi di assistenza alla guida disponibili per gli autocarri Mercedes-Benz sono l'Active Brake Assist, il Retarder, il Sensore di prossimità, l'Assistente di guida, il Sistema antisbandamento e lo Stability Control. Proprio quest'ultimo è il più spettacolare di tutti quando se ne vuole mostrare l'efficacia. Il suo scopo è ovviamente quello di evitare un ribaltamento (che è una delle principali cause di incidente stradale, perché basta una piccola differenza di velocità nell'imboccare una curva - anche solo di 5 km/h - o una brusca sterzata affinché si verifichi) e il miglior rimedio per evitarlo è frenare, ma non sempre è possibile. Il Telligent Stability Control può invece sempre intervenire in modo automatico rallentando la marcia dell'automezzo prima di arrivare alla soglia critica di ribaltamento.

I CORSI DI GUIDA
Tuttavia, anche se spostare un mezzo di dieci tonnellate è semplice, manovrare più di 14 metri di lunghezza richiede molta professionalità. Da sola la tecnologia non basta e le statistiche lo dimostrano: la maggior parte degli incidenti è provocato dal fattore umano. Bisogna, quindi, favorire l'integrazione tra autista e camion, e per questo ci sono appositi corsi di Guida Sicura, proposti anche da Mercedes-Benz. Lo scopo principale delle lezioni, che presentano un'impostazione prevalentemente pratica, è insegnare a reagire nel modo migliore a circostanze potenzialmente pericolose ed utilizzare al meglio i dispositivi del veicolo in caso d'emergenza e, date le caratteristiche delle prove, che devono simulare condizioni di rischio, i corsi si tengono presso il circuito ACI Vallelunga di Campagnano (RM) e la nuova sede ACI del circuito di Brescia.

Mercedes-Benz Safety Truck Actros

Un esempio dei dispositivi di sicurezza in uso sui mezzi pesanti Mercedes.

Autore:

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz


Top