dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 7 settembre 2009

Il 2009 sarà l’anno nero della Pirateria stradale

L'allarme dell'Asaps: 319 episodi già rilevati contro 323 dell’intero 2008

Il 2009 sarà l’anno nero della Pirateria stradale

Il fenomeno della pirateria stradale sta diventando sempre più frequente. L'anno scorso il numero degli episodi è raddoppiato rispetto al 2007 e quest'anno è ancora peggio, con 319 eventi già monitorati dall'osservatorio de "Il Centauro/Asaps", che ha contato 66 morti e 410 feriti. "Sono cifre che ci fanno rabbrividire - si legge in una nota - perché ci dicono che il 2009 sarà tremendo. In soli 8 mesi abbiamo praticamente già raggiunto i livelli dell'intero 2008, quando il nostro report ha censito 323 episodi con 93 morti e 331 feriti".

Il quadro si è ulteriormente aggravato durante questo fine settimana, con quattro drammatici episodi che si sono verificati in diverse zone d'Italia. Il più grave è accaduto a Roma, la città con più "pirati" dell'intero Lazio, tanto che - dopo quest'ultima tragedia - il delegato del sindaco per la sicurezza stradale, Roberto Cantiani, ha proposto di installare autovelox fissi in città sulle strade più a rischio. L'obiettivo è evitare che si ripeta quanto ha causato la morte di Carmelo Pellitteri, un medico di 77 anni che è stato travolto ed ucciso in via del Trullo da una BMW Z4 Cabrio guidata da un 30enne che si è subito dato alla fuga. Il giovane, impiegato in una società informatica e figlio di un poliziotto, si è poi recato in questura per denunciare il furto dell'auto, ma quando si è accorto che la sua versione non era convincente ha confessato ed ha raccontato di non essersi fermato perché impaurito e sotto choc. Sarà denunciato a piede libero per omicidio colposo e omissione di soccorso.

E' stato catturato poco dopo l'incidente anche il "pirata" di Torrimpietra (Civitavecchia), un romeno pregiudicato di 34 anni che venerdì notte è scappato dopo aver investito da ubriaco un pedone di 18 anni ora ricoverato in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. Gli altri episodi si sono verificati ad Alcamo (Trapani), dove un 40enne è stato arrestato dai Carabinieri e dalla Polizia Stradale dopo essere passato col rosso investendo una ragazzina di 11 anni, ora in prognosi riservata e a Fombio (Milano), dove un 31enne - poi catturato e accertato essere sotto l'effetto di alcol e droga - ha investito un giovane che stava attraversando sulle strisce e poi è scappato. Tutti sono stati arrestati e dopo quasi due anni di latitanza è arrivato il turno di finire in manette nel carcere di Como anche per Feil Bernt, il 45enne di origine tedesca che a Roma, nella notte del 17 gennaio 2008, passò con il rosso travolgendo uno scooter con in sella due giovani. Uno di loro, 17 anni, morì sul colpo, mentre l'amico - ricoverato per molti giorni - porta ancora oggi i segni di quell'impatto.

Attualmente le pene per chi guida in stato d'ebrezza prevedono che chi viene trovato con un tasso alcolemico compreso tra 0,5 e 0,8 milligrammi per litro paghi un'ammenda da 500 a 2.000 euro e si veda sospendere la patente da tre a sei mesi. Chi, invece, ha un tasso tra 0,8 e 1,5 può incorrere in una multa compresa tra 800 e 3.200 euro, l'arresto fino a sei mesi e la sospensione della patente per un periodo di tempo compreso tra 6 mesi e un anno. Infine, chi viene sorpreso ai test con un tasso alcolemico superiore ad 1,5, deve pagare un'ammenda tra 1.500 e 6.000 euro e scontare una pena tra i 6 mesi ed un anno, con un minimo di sei mesi. In quest'ultimo caso è prevista anche la sospensione della patente da 1 a 2 anni e la confisca del veicolo in sede di condanna. C'è però al vaglio il nuovo testo sulla sicurezza stradale che dovrà essere approvato dal Senato alla ripresa dei lavori parlamentari e che prevede fino a 15 anni di carcere se si è al volante con un tasso alcolemico superiore a 1,5 milligrammi per litro o sotto l'effetto di droga e si provoca un incidente mortale che coinvolge più persone.

19 voti Sondaggio

Autovelox fissi in città:

Ancora una volta si tenterà di "fare cassa"

  
36%

Può essere efficace, ma solo con autovelox tarati almeno a 60 km/h

  
26%

E' giusto: in città sono sufficienti anche 40 km/h

  
15%

Sì, ma solo se adeguatamente segnalati

  
10%

Se Alemanno accetta, non verrà rieletto

  
10%

 

Autore:

Tag: Attualità , incidenti , sicurezza stradale


Top