dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 24 agosto 2009

Stop agli incentivi negli USA

Troppi gli automobilisti che ne hanno approfittato. Fondi esauriti, Obama soddisfatto

Stop agli incentivi negli USA

Il programma di incentivi alla rottamazione "Cash for Clunkers" (contanti in cambio di vecchie carrette) che l'amministrazione Obama ha stanziato negli Stati Uniti a luglio si concluderà oggi, con due mesi di anticipo rispetto alle previsioni. Il piano da un miliardo di dollari sarebbe dovuto durare fino a novembre, ma i fondi sono già quasi esauriti. Neanche i due miliardi di dollari supplementari che la Casa Bianca ha stanziato un mese fa sono bastati. "È stato un successo al di là della nostra immaginazione", ha ammesso Barack Obama.

Grazie al piano, che ha generato finora un aumento delle vendite di più di 457 mila veicoli, gli automobilisti americani hanno ricevuto un rimborso tra i 3.550 e i 4.550 dollari per sostituire un veicolo vecchio con uno nuovo e più efficiente ed i concessionari dovrebbero esaurire i fondi proprio oggi, facendo lievitare le vendite a circa 700 mila auto. E' la prova che il "Cash for Clunkers è stato di grande aiuto, un'ancora di salvezza per l'industria automobilistica", come ha detto Ray LaHood, segretario ai Trasporti USA, spiegando che questo "ha consentito a molte persone di tornare a lavorare. Allo stesso tempo ci ha permesso di togliere dalla strada vetture inquinanti e di favorire l'acquisto di auto pulite".

La formula, che prevede che sia il venditore a concedere lo sconto al cliente per fare poi domanda di rimborso al Governo, è stata così azzeccata che sono state le stesse reti di vendita a chiedere alla Casa Bianca di sospendere i "bonus", per paura che i fondi si esaurissero. Il meccanismo è piuttosto complicato e prevede due livelli di bonus: uno da 3.500 dollari (2.510 euro circa) ed uno da 4.500 dollari (3.230 euro circa). Questi vengono erogati solo a fronte dellarottamazione di un'auto non più vecchia di 25 anni e con un consumo medio elevato che non superi le 18 miglia con un gallone, cioè 7,7 km per litro, e che sia posseduta da chi richiede l'incentivo da almeno un anno. Inoltre, se l'auto nuova ha una motorizzazione tale da garantire una percorrenza migliore di 4 miglia per gallone, così da arrivare almeno a quota 22 (9,35 km per litro), si ottiene il bonus da 3.500 dollari e, se ilmiglioramento è di almeno di 10 miglia in più per arrivare a quota 28 (cioè 11,9 km per litro), si passerà al bonus da 4.500 dollari.

Il prezzo dell'auto acquistata non dovrà comunque essere superiore a 45 mila dollari, il corrispettivo di 32.300 euro. Per quelli che la legislazione americana definisce "light truck" (camioncini e veicoli commerciali, ma anche SUV, pick-up e minivan) il meccanismo del provvedimento richiede un miglioramento dei consumi più limitato nel passaggio dal veicolo rottamato a quello nuovo: almeno 2 miglia per gallone per ottenere i 3.500 dollari e almeno 5 miglia per gallone per avere il contributo di 4.500. Nel Cash for Clunkers non sono stabiliti, come in altri casi, limiti al reddito per chi chiede il contributo, nè viene fatta distinzione tra auto prodotte negli USA o importate.

Autore:

Tag: Mercato , incentivi


Top