dalla Home

Mercato

pubblicato il 3 agosto 2009

Lamborghini: ancora utili nel primo semestre 2009

Calano vendite e fatturato, ma la reddività rimane

Lamborghini: ancora utili nel primo semestre 2009

In questa fase di recessione economica è difficile trovare case automobilistiche che possono vantare un utile derivante dalla propria attività. Fra questi pochi produttori "virtuosi" si può annoverare Lamborghini, che nel primo semestre del 2009 ha fatto registrare un utile di 5,4 milioni di euro, in calo rispetto ai 35 milioni di euro dello stesso periodo 2008, ma pur sempre in territorio positivo. Si tratta di una contrazione dell'84% che rispecchia il difficile momento dell'automobile e che deriva soprattutto da una riduzione delle vendite in tutti i segmenti, compreso quello delle supersportive. Il fatturato totale è invece sceso dai 277,4 milioni di euro della prima metà 2008 ai 156,9 milioni del 2009, facendo segnare un secco -43,4%.

Le Lamborghini vendute nei primi sei mesi del 2009 sono state 825, il 37% in meno delle 1.309 vetture consegnate nel primo semestre 2008. Il risultato è figlio di una crisi globale che ha investito soprattuto gli Stati Uniti, il primo mercato per le GT di Sant'Agata Bolognese, in calo da 431 a 207 esemplari venduti (-52%). Altri mercati con vendite in forte flessione sono quelli di Germania e Regno, rispettivamente a -52% e -46,6%. Ai livelli dello scorso anno si sono mantenute le vendite in Italia (122 unità), Svizzera (49), Francia (37) e Medio Oriente (61). L'unico paese a non risentire del clima globale di crisi è la Cina, dove sono state vendute fino a fine giugno 29 Lamborghini (+32%).

In un contesto industriale, economico e finanziario così difficile l'obiettivo di Lamborghini rimane, nelle parole del Presidente Stephan Winkelmann, quello di mantenere un livello di redditività che permetta di "continuare a investire nel futuro e nelle nuove tecnologie applicate ai prodotti, con l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO2". Non a caso il programma di sostenibilità ambientale presentato di recente prevede un investimento di 35 milioni di euro per ridurre le emissioni di CO2 prodotte dal proprio stabilimento del 30% entro il 2010 e del 35% quelle dei propri veicoli entro il 2015.

Nel frattempo rimane sempre valido l'impegno al continuo rinnovamento, con la presentazione di almeno un nuovo prodotto ogni anno...

Autore:

Tag: Mercato , Lamborghini


Top