dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 30 luglio 2009

Il Ministero dei Trasporti con la Fondazione ANIA

Siglato un accordo per migliorare la sicurezza stradale

Il Ministero dei Trasporti con la Fondazione ANIA

Incrementare l'educazione stradale ed accrescere la percezione dei rischi legati ad una guida irresponsabile. E' su queste due direttrici che si muove il protocollo d'intesa firmato ieri dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, e il Presidente della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale, Sandro Salvati. Insieme, il Ministero e la Fondazione svilupperanno programmi didattici per contrastare l'allarmante fenomeno dell'incidentalità in Italia, dove ogni giorno si verificano 633 incidenti che provocano 893 feriti e 14 morti, ovvero 5.131 vittime nell'arco di un anno.

L'accordo prevede anche una collaborazione per valutare, in termini di sicurezza stradale, i benefici qualitativi che si possono conseguire dai corsi di guida sicura avanzata per gli automobilisti al fine di definire uno standard di riferimento per lo svolgimento di questa tipologia di corsi. Un altro punto rilevante riguarda l'applicazione di strategie di "risk management" nel trasporto pesante, che è coinvolto in incidenti di grave entità provocando il 7% dei morti e il 4% dei feriti complessivi. A questo proposito, la Fondazione ANIA attraverso programmi di formazione degli autotrasportatori e con l'utilizzo della "scatola nera" sui mezzi pesanti ha ottenuto una significativa riduzione dell'incidentalità stradale. L'ultimo punto dell'intesa prevede un programma di intervento circa le carenze infrastrutturali della rete viaria, che consentirà il monitoraggio dei punti critici e la sollecitazione agli enti proprietari per l'immediato intervento di soluzione del problema.

"Siamo orgogliosi che il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti abbia scelto la Fondazione ANIA come partner per la lotta all'incidentalità stradale", ha detto Sandro Salvati, ricordando quanto sia importante "fare squadra e lavorare in maniera sinergica per bloccare questa distruzione di vite umane, causata da comportamenti sciagurati alla guida o dalla scarsa preparazione dei conducenti".

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top