dalla Home

Curiosità

pubblicato il 3 agosto 2009

Le auto di James Bond: dagli Anni '90 ad oggi

Life-style e adrenalina alla 007

Le auto di James Bond: dagli Anni '90 ad oggi
Galleria fotografica - L'Aston Martin DB5 di 007, James BondGalleria fotografica - L'Aston Martin DB5 di 007, James Bond
  • L\'Aston Martin DB5 di 007, James Bond	(1964) - \
  • L\'Aston Martin DB5 di 007, James Bond	(1964) - \
  • L\'Aston Martin DB5 di 007, James Bond	(1964) - \
  • L\'Aston Martin DB5 di 007, James Bond	(1965) - \
  • L\'Aston Martin DB5 di 007, James Bond	(1965) - \
  • L\'Aston Martin DB5 di 007, James Bond	(1965) - \

Dopo il successo dei primi 40 anni, nel 1995 "Goldeneye" diviene il palcoscenico di un doppio debutto: da una parte Pierce Brosnan, probabilmente il più convincente e rappresentativo 007 della saga dopo Sean Connery e, dall'altra, la BMW Z3 che, da poco sul mercato, trova nella pellicola un formidabile strumento pubblicitario. Il ruolo di protagonista a 4 ruote spetta ad una nostra vecchia conoscenza, la DB5 già vista in "Glodfinger", aggiornata con targa ed equipaggiamenti diversi (solo una glove box refrigerata per l'immancabile bottiglia di Dom Perignon e, omaggio al tempo, una voice mail). L'auto britannica incrocia le ruote con una rossa F355 condotta da Xenia Onatopp antagonista di turno, tanto bella quanto perfida. Tutto ciò però perde sapore se confrontato con l'inseguimento cittadino fra un carro armato - "cavalcato" da uno 007 al quale figurativamente mancano solamente cimiero, elmo e lancia - ed un'auto zeppa di "bravi" che hanno rapito la donzella di turno.

Ecco ricomparire ne "Il domani non muore mai" (1997) la sempiterna DB5 del 1964 il cui ruolo è però marginale rispetto a quello di una ben più moderna BMW 750iL. Questa non scalda più di tanto gli animi per la sua opulenta mancanza di personalità ma entusiasma per le prestazioni offerte dal suo 12 cilindri. Gli equipaggiamenti dei quali Q l'ha dotata si rivelano determinanti nel salvare la pelle di Bond nel corso di un pazzesco inseguimento all'interno di un silos multipiano. Divertente la scena nella quale "i cattivi" cercano di aver ragione dell'auto tentando di scassinarla dapprima con metodi tradizionali per poi passare, sempre più frustrati, a veri e propri colpi di mazza vibrati con totale assenza di grazia. Per la prima volta Q dota un'auto di un dispositivo di guida a distanza comandata da un palmare che si rivelerà determinante per "soffiare" l'auto da sotto il naso degli increduli attaccanti.

Prosegue, ne "Il Mondo non basta" (1999) il filone delle BMW. E' questa la volta della supercar di Casa, la Z8 dotata di sonic laser, in grado di farle captare conversazioni al di là di muri, di missili e, soprattutto di un rivestimento in titanio. La presenza del rivestimento di questo resistentissimo materiale rende poco credibile la scena nella quale - con tangibile disappunto degli spettatori - viene letteralmente tagliata in due da una gigantesca sega circolare appesa sotto un elicottero tagliaboschi... "La morte può attendere" (2002) segna il ritorno alla più pura espressione tanto dello stile inglese con l'Aston Martin V12 Vanquish quanto delle capacità di Q che dota l'auto di sedile eiettabile, mitragliatrice, missili dissimulati dietro la calandra ma, sopratutto, idea uno speciale pigmento in grado di rendere la Vanqish invisibile con il semplice impulso di un comando a distanza. Questa particolare vernice avrà sicuramente ricordato ai lettori non più giovanissimi quella portentosa "arcivernice" che - agendo esattamente al contrario - permetteva al Sig. Bonaventura, con una semplice pennellata passata sopra una fotografia, di rendere reale il soggetto ritratto; si era al tempo del Corriere dei Piccoli, come dire nulla di nuovo sotto il sole. Un'altra aristocratica a quattro ruote, una Jaguar XKR darà filo da torcere alla Vanquish nel corso di un lungo duello su ghiaccio.

"Casino Royale" (2006). Grande é l'attesa per questo film che per gli appassionati presenta in effetti diversi motivi di interesse in particolare per un doppio debutto, quello di Daniel Craig che presta un nuovo volto, per prima volta biondo, al "vecchio" agente e quello della nuova Aston Martin DBS - che poco prima dell'uscita del film nelle sale italiane è stata avvistata a Roma - protagonista del solito inseguimento questa volta non a lieto fine per Bond che, dopo una spaventosa carambola, viene catturato da Le Chiffe, cattivo di turno. Altra protagonista meccanica, relegata a ruolo di supporter, è la più borghese Ford Mondeo e si vedono anche l'arcinota DB5 ed una Daimler Limousine che sfoggia una targa italiana di pura fantasia.

Di inseguimento in incidente si arriva infine all'ultimo film della serie, "Quantum of Solace" (2008), con i medesimi interpreti: umano e meccanico. Più di altre, questa pellicola attira l'attenzione dei media già nel corso delle riprese quando, sulle strade costeggianti il Lago di Garda, la Aston Martin condotta da uno stunt-man, ha un incidente che schiaccia completamente il padiglione riducendo l'auto a livello di... sogliola. Significativo, a questo proposito, il commento di uno dei soccorritori alla vista del relitto: "Direi che è stato fortunato; da dove è uscito questo qua?". Sul set di questo film le quattro ruote la fanno quasi da padrone tanto per le numerose scene delle quali si rendono protagoniste quanto per il loro numero e qualità; si spazia infatti dalla già citata Aston DBS V12 ad alcune veloci Alfa Romeo 159, da una Range Rover Sport Supercharged ad una Daimler Double Six ed ancora da un semplice Maggiolino ad una Volvo S40. Da non dimenticare infine la Ford Ka il cui costruttore utilizza il film come piattaforma pubblicitaria in vista del lancio commerciale, con tanto di scena nella quale l'auto, condotta dalla Bond girl, viene inseguita da un motociclista killer.

Arrivati ai giorni nostri non resta che chiedersi, in puro stile Bondiano, cosa potrà mai riservarci il domani! Ebbene i Bond' fans dormano sonni tranquilli: la lavorazione del 23esimo film è già iniziata e, in attesa che il film esca nel 2011, un'idea sui contenuti ce la può dare questo link.

Galleria fotografica - La Bond Girl guida la nuova Ford KaGalleria fotografica - La Bond Girl guida la nuova Ford Ka
  • La Bond Girl guida la nuova Ford Ka - anteprima 1
  • La Bond Girl guida la nuova Ford Ka - anteprima 2
  • La Bond Girl guida la nuova Ford Ka - anteprima 3
  • La Bond Girl guida la nuova Ford Ka - anteprima 4
  • La Bond Girl guida la nuova Ford Ka - anteprima 5
  • La Bond Girl guida la nuova Ford Ka - anteprima 6
Galleria fotografica - Aston Martin DBSGalleria fotografica - Aston Martin DBS
  • Aston Martin DBS - anteprima 1
  • Aston Martin DBS - anteprima 2
  • Aston Martin DBS - anteprima 3
  • Aston Martin DBS - anteprima 4
  • Aston Martin DBS - anteprima 5
  • Aston Martin DBS - anteprima 6
Galleria fotografica - L'Aston di James Bond in giro per RomaGalleria fotografica - L'Aston di James Bond in giro per Roma
  • L\'Aston di James Bond in giro per Roma - anteprima 1
  • L\'Aston di James Bond in giro per Roma - anteprima 2
  • L\'Aston di James Bond in giro per Roma - anteprima 3
  • L\'Aston di James Bond in giro per Roma - anteprima 4
  • L\'Aston di James Bond in giro per Roma - anteprima 5
Galleria fotografica - La prima nuova Ford Mondeo la guida James BondGalleria fotografica - La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond
  • La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond - anteprima 1
  • La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond - anteprima 2
  • La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond - anteprima 3
  • La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond - anteprima 4
  • La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond - anteprima 5
  • La prima nuova Ford Mondeo la guida James Bond - anteprima 6

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Curiosità , cinema


Top