dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 23 luglio 2009

Ford: nuovo 2 litri EcoBoost nel 2010

Debutterà prima negli USA e poi in Europa sulle prossime Focus e Mondeo

Ford: nuovo 2 litri EcoBoost nel 2010
Galleria fotografica - Ford EcoBoostGalleria fotografica - Ford EcoBoost
  • Ford EcoBoost - anteprima 1
  • Ford EcoBoost - anteprima 2
  • Ford EcoBoost - anteprima 3

Ford sta preparando un 4 cilindri 2 litri EcoBoost destinato a sostituire alcuni V6 della propria gamma così come il V6 3.5 punta a rimpiazzare i V8 con l'obiettivo di equipaggiare con questa famiglia di motori il 90% dell'intera gamma Ford per il 2013. A fare la sua parte, ci sarà anche l'1,6 litri che sarà montato su Fiesta, Focus, C-Max e Mondeo (ma anche su altri modelli Mazda e forse Volvo) mentre il nuovo 2 litri dovrebbe debuttare nel 2010 sulla Fusion, la berlina venduta solo negli USA. Il nuovo 2 litri sarà montato anche su Focus, Mondeo e altri modelli, inoltre sarà dotato di doppio variatore di fase continuo iVCT, particolarmente veloce nel cambiare la fasatura della valvole indipendentemente per il lato aspirazione e il lato scarico. È per Ford la prima applicazione simultanea del concetto EcoBoost al doppio variatore di fase.

Così come l'1,6 litri ha debuttato su diversi concept (Iosis Max, Lincoln C e Volvo S60 concept), e lo stesso con il V6 3.5 apparso sulla Lincoln MKR nel 2007, anche il 2 litri si era già visto sulla Ford Explorer America, un concept presentato al Salone di Detroit del 2008 e allora fu accreditato per 275 CV e 380 Nm. Le prime versioni non avranno tuttavia più di 230 CV e 320 Nm costanti tra 2.000 e 5.500 giri/min per poi salire con il tempo e a seconda dell'applicazione. Il risparmio in termini di consumi e di emissioni di CO2 rispetto ai V6 di pari potenza dovrebbe attestarsi tra il 10% e il 20%, ma con il vantaggio di avere a disposizione potenze e coppie maggiori.

Per questo motore, Ford sta mettendo inoltre a punto un nuovo cambio a doppia frizione con 6 rapporti denomnato Powershift Dual Transmission che dovrebbe assicurare da solo un risparmio del 7-9% sviluppato sempre con la Getrag come l'attuale cambio analogo, ma quello del futuro avrà le frizioni a secco che garantiscono maggiore compattezza, minor peso e minori perdite meccaniche dunque maggiore efficienza anche grazie all'attuazione elettrica. Tale particolare, così come sul DSG di Volkswagen a 7 rapporti, assicura la potenziale applicazione di questo cambio anche su sistemi ibridi. Getrag già possiede un cambio a doppia frizione con frizioni a secco, ma per coppie fino a 280 Nm, abbastanza per l'1,6 litri, non per il nuovo 2 litri.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Ford


Top