dalla Home

Home » Argomenti » Carburanti alternativi

pubblicato il 20 luglio 2009

Chevrolet Captiva Moonlander

40 esemplari speciali a GPL: una per ogni anno trascorso dal primo passo sulla luna

Chevrolet Captiva Moonlander
Galleria fotografica - Chevrolet Captiva MoonlanderGalleria fotografica - Chevrolet Captiva Moonlander
  • Chevrolet Captiva Moonlander - anteprima 1
  • Chevrolet Captiva Moonlander - anteprima 2
  • Chevrolet Captiva Moonlander - anteprima 3
  • Chevrolet Captiva Moonlander - anteprima 4
  • Chevrolet Captiva Moonlander - anteprima 5
  • Chevrolet Captiva Moonlander - anteprima 6

Esattamente 40 anni fa, il 20 luglio 1969, Neil Alden Armstrong entrava nella storia come primo uomo a posare il proprio piede sulla superficie lunare, scendendo dalla scaletta del modulo di atterraggio partito a bordo dell'Apollo 11 quattro giorni prima da Cape Canaveral. Quello stesso giorno, 40 anni dopo, nasce le celebrativa Chevrolet Captiva Moonlander. L'idea di produrre una serie limitata di 40 esemplari numerati della SUV coreana viene da Fahrmitgas, fornitore ufficiale degli impianti GPL destinati alle Chevrolet Captiva vendute in Europa. Non si tratta certo di una replica dello spartano Rover lunare che poggiò per la prima volta le sue ruote sulla superficie del nostro satellite il 31 luglio 1971, ma per questo si può attendere fino al quarantennale del 2011.

La Moonlander si distingue dalle altre Captiva per la verniciatura bianca e per le numerose finiture nere che riprendono lo schema grafico del razzo multistadio Saturn V che ha portato nello spazio la missione Apollo 11. Anche i vetri posteriori ricoperti con una pellicola riflettente ricordano da vicino le speciali schermature anticalore e anti-radiazioni applicate a varie parti del modulo lunare americano. Le grandi ruote in lega da 20" sembrano ancora più adatte ad affrontare un ipotetico percorso extraterrestre, con gomme 245/20 e un kit di abbassamento dell'assetto di 35 millimetri che è forse più indicato per le autostrade terrestri. Una serie di grafiche nere applicate alla Captiva riportano le diciture "Moonlander", "Manned Mission Lunar Vehicle", il numero 11 e i nomi dei tre astronauti protagonisti dell'impresa spaziale: Armstrong, Aldrin e Collins.

I motori a doppia alimentazione benzina/GPL sono il quattro cilindri di 2,4 litri e 136 CV abbinato alla sola trazione anteriore e il V6 di 3,2 litri e 230 CV, accoppiato alla trazione integrale. Quest'ultima versione è in grado di raggiungere i 100 km/h da fermo in 8,8 secondi e di arrivare fino a 204 km/h. All'interno l'unica modifica è rappresentata da una placca celebrativa numerata sulla console centrale, mentre l'equipaggiamento di serie comprende climatizzatore automatico, impianto audio, iPod e la replica di una tuta spaziale, con tanto di casco. I prezzi della Chevrolet Captiva Moonlander partono da 25.590 euro.

Autore:

Tag: Curiosità , Chevrolet , carburanti alternativi , serie speciali


Top