dalla Home

Home » Argomenti » Carburanti alternativi

pubblicato il 17 luglio 2009

Kia Forte LPI Hybrid

Ibrida elettrica-GPL per il mercato coreano

Kia Forte LPI Hybrid
Galleria fotografica - Kia Forte LPI HybridGalleria fotografica - Kia Forte LPI Hybrid
  • Kia Forte LPI Hybrid - anteprima 1
  • Kia Forte LPI Hybrid - anteprima 2

In Corea del Sud cominciano le vendite di Kia Forte LPI Hybrid, prima vettura al mondo assieme alla "cugina" Hyundai Avante LPI Hybrid Electric a proporre la propulsione ibrida elettrica-GPL. Per aumentare l'efficienza e ridurre le emissioni della berlina - nota in alcuni mercati come Cerato - la Kia ha investito la bellezza di quasi 180 milioni di dollari e 25 mesi di ricerca e collaudi per realizzare questa "LPI Hybrid" in grado di percorrere 17,8 km/l (5,6 l/100 km) e di emettere 99 g/km di CO2. Al momento la commercializzazione è riservata al mercato interno, ma è possibile che venga esportata sui mercati più ricettivi per questo tipo di proposte.

DOPPIA MOTORIZZAZIONE
Per rientrare nella categoria Super Low Emissions Vehicle (SULEV) la vettura utilizza una doppia motorizzazione. Un tradizionale motore a scoppio di 1.591 cc e 114 CV alimentato a GPL fornisce la spinta principale, abbinato ad un cambio a variazione continua CVT; un motore elettrico da 20 CV viene attivato dalla stessa chiave di accensione ma si limita a recuperare energia in fase di frenata, ad immagazzinarla nelle batterie a litio-polimeri da 180 volt e a fornire con immediatezza potenza supplementare quando viene richiesta una maggiore coppia motrice.

PIU' AERODINAMICA
Il sistema Idle Stop and Go (ISG) provvede automaticamente allo spegnimento e alla riaccensione del motore termico nelle soste o quando si viaggia a più di 9 km/h e si rallenta per più di 2 secondi. Questo dispositivo, assieme al cambio CVT con funzione E-gear (Eco Drive) a gestione elettronica e ad una aerodinamica ottimizzata, contribuisce in maniera sensibile al contenimento dei consumi. Rispetto alle altre versioni della Kia Forte, la LPI Hybrid presenta infatti una serie di nuovi elementi affinati aerodinamicamente che fanno scendere il Cx da 0,29 a 0,26. Gli scudi anteriore e posteriore sono più profilati, i cerchi in lega hanno un design più aerodinamico, lo spoiler posteriore è integrato nella sagoma della coda il sottoscocca è completamente carenato.

LEZIONI DI GUIDA
L'ultimo contributo ad una guida più parsimoniosa, efficiente e rispettosa dell'ambiente viene dal cruscotto digitale SuperVision che comprende un indicatore che segnala l'Eco Driving Point, ovvero le condizioni di guida ottimali in rapporto alla velocità, ai giri del motore e alla posizione dell'acceleratore. Ancora incerto è l'arrivo in Europa e in Italia di questa innovativa berlina ibrida che, con una lunghezza di 4,5 metri e un passo di 2,65 metri, andrebbe a sovrapporsi nel segmento C con la Kia cee'd prodotta a Zilina (Slovacchia). Per il momento il listino italiano di Kia continuerà a proporre gli attuali modelli equipaggiati con impianto GPL, preferiti dal 65% dei clienti.

Autore:

Tag: Curiosità , Kia , carburanti alternativi , auto ibride


Top