dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 agosto 2009

I problemi del traffico si risolveranno grazie alle formiche?

Un biologo di Canberra ne sta studiando la possibilità

I problemi del traffico si risolveranno grazie alle formiche?

Il segreto per risolvere tutti i problemi legati al traffico potrebbe essere davanti ai nostri occhi, o meglio, "sotto" ai nostri occhi: nella vita quotidiana delle formiche. Ad affermarlo è il biologo Ajiay Narendra dell'Università nazionale di Canberra (Australia), che studia da oltre 10 anni il loro mondo di vivere, di comunicare e di organizzarsi. "Le formiche sono animali sociali e comunicano efficacemente fra loro", ha detto, spiegando che proprio "questa cooperazione gli consente di organizzare con efficienza l'esplorazione, la ricerca di cibo e il traffico di rifornimento". Se quindi capiremo meglio come lo fanno, "sarà possibile applicare gli stessi principi agli autoveicoli".

Le formiche, come spiega Narendra, sanno navigare innumerevoli volte dal nido alle fonti di cibo e viceversa, anche se hanno dimensioni cerebrali molto piccole. Ci riescono perché usano una bussola celeste, misurano le distanze e si affidano a punti di riferimento. Inoltre sono molto precise. Marciano in file ordinate e usano segnali olfattivi o tattili per mantenere flussi di traffico ininterrotti.

I loro sistemi di navigazione sono dunque molto semplici, ma altrettanto efficaci, anche perché, come ha scoperto lo studioso e la sua equipe, ciascuna delle specie di formiche "bulldog" della boscaglia australiana, ad esempio, si è evoluta specializzandosi in attività diurne, crepuscolari o notturne, modificando la struttura degli occhi a seconda della luce prevalente nei propri turni. In questo modo le quattro specie si dividono la giornata, permettendo a ciascuna di loro un'equa proporzione del cibo disponibile senza competizioni o potenziali conflitti. "Gli insetti ci hanno già insegnato sistemi affidabili da usare nella visione dei robot, nei sistemi di sorveglianza e negli aerei senza pilota, ma credo che vi sia molto di più da imparare", ha ricordato Narendra.

Autore:

Tag: Curiosità , dall'estero


Top