dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 9 luglio 2009

Gli USA aderiscono all'IRENA

Importante ingresso nell'Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili

Gli USA aderiscono all'IRENA

La buona notizia è che gli Stati Uniti, nonostante la mancata firma del protocollo di Kyoto sulla riduzione delle emissioni inquinanti, hanno aderito all'Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili (IRENA), l'organizzazione creata il 26 gennaio 2009 che si dovrà occupare della promozione delle fonti di energia rinnovabili, aspetto molto importante anche nel futuro dell'automobile. La notizia meno confortante è che gli obiettivi, i progetti e le modalità delle azioni intraprese da IRENA non sono state forse pubblicizzate quanto meriterebbero e quanto sarebbe giusto per onorare l'impegno già sottoscritto da 136 paesi di tutto il mondo, Italia compresa.

Per il momento il progetto di spicco riguarda la realizzazione Masdar City, città araba a emissioni zero che entro il 2016 ospiterà 50.000 abitanti e che sarà la sede dell'Agenzia stessa. Il contributo di 136 milioni di dollari già offerto dagli Emirati Arabi verrà destinato alla lotta al riscaldamento globale del pianeta, cui le automobili contribuiscono in maniera sensibile. Compito principale di IRENA sarà quello di offrire consulenza ai governi nazionali su tutte le questioni tecniche, normative e finanziarie legate alla produzione di energia da fonti rinnovabili, sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo.

La speranza di tutti è che l'Agenzia possa dimostrare forza sufficiente per superare tutte quelle difficoltà di ordine socio-politico che da sempre bloccano o rallentano la ricerca di fonti di energia alternative al petrolio o a tutte quelle risorse che hanno scorte destinate ad esaurirsi. La diffusione di biodiesel e bioetanolo, già ampiamente sperimentati per l'autotrazione, potranno così trovare uno spazio più importante nell'attuale parco circolante, valutazioni economiche permettendo.

Autore:

Tag: Curiosità , mobilità sostenibile , bioetanolo , carburanti alternativi


Top