dalla Home

Curiosità

pubblicato il 7 luglio 2009

Dal 2011 l’auto USA ancora più sicura

Presto obbligatori i sistemi di pre-collisione e anti superamento carreggiata

Dal 2011 l’auto USA ancora più sicura

Dal 2011 negli USA il sistema di pre-frenata anti-collisione e quello che impedisce di passare involontariamente la linea di mezzeria potrebbero diventare obbligatori su tutte le nuove automobili. Lo rivela il Detroit News citando fonti interne del National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), l'ente che negli USA decide gli standard di sicurezza e ne verifica la loro effettività anche attraverso crash test che sono considerati i più severi al mondo.

Vista l'abbondanza di sigle e varianti di ogni sistema, vediamo prima cosa intende l'NHTSA. Per sistema di pre-frenata anticollisione si intende quel dispositivo che, grazie a un sensore radar, misura la distanza tra la vettura che guidiamo e quella che ci precede, o un qualsiasi oggetto di fronte, riuscendo a capirne anche la velocità. Se è necessario frenare, in qualche caso questi sistemi danno solo un segnale di attenzione al guidatore, in altri applicano una forza frenante, che varia nelle modalità e nell'intensità a seconda delle scelte del costruttore, ma può raggiungere anche il massimo. Le statistiche dell'Insurance Institute for Highway Safety dicono che un'applicazione generalizzata del sistema di pre-frenata anticollisione potrebbe risultare d'aiuto per 2,3 milioni di incidenti all'anno la cui tipologia rappresenta oltre un caso su 6 e che sono all'origine di 7.200 morti.

Per sistema anti-superamento della linea di mezzeria l'NHTSA intende quel dispositivo che evita alla vettura, guidata da una persona distratta o presa da un colpo di sonno, di oltrepassare senza volerlo la linea che divide i due sensi di marcia intervenendo direttamente sullo sterzo. In realtà, i sistemi di questo tipo danno solo un aiuto attraverso la servoassistenza, ma è sensibile e consentono quasi di guidare senza fare forza sul volante in autostrada, come se la vettura tenesse le ruote in una rotaia invisibile. Secondo l'Insurance Institute for Highway Safety si potrebbero evitare 483mila incidenti all'anno la cui tipologia è estremamente pericolosa visto che il calo delle morti calcolato è di 10mila persone. Occorre dire che esistono anche altri sistemi che avvertono solo chi guida facendo vibrare il sedile o il volante che sono più generalizzati e meno complessi.

Il problema infatti è sempre lo stesso: il costo. Questi dispositivi non sono scesi fin'ora come applicazione al di sotto del segmento D o li troviamo su alcuni SUV compatti. Ad ogni modo, questo dossier è stato consegnato a rappresentanti della Alliance of Automobile Manufacturers, l'associazione dei costruttori che rappresenta le tre americane, BMW, Jaguar e Land Rover, Mazda, Daimler, Mitsubishi, Porsche, Toyota e Volkswagen. La NHTSA ha fatto sapere in via informale che, viste le potenzialità di questi sistemi, potrebbe renderli obbligatori nel nuovo protocollo, il New Car Assessment Program, che stanno mettendo a punto. In quel caso dunque diventerebbero obbligatori.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , dall'estero


Top