dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 3 luglio 2009

E' estate: occhio al colpo di sonno

Uno studio inglese invita a restare vigili accendendo l'aria condizionata

E' estate: occhio al colpo di sonno

La stanchezza causa un incidente mortale su quattro e la probabilità di rimanerne vittima è di due volte e mezzo superiore a quella di incidenti provocati da altre cause. Per questo il "colpo di sonno" è tanto pericoloso e a provocarlo, a volte, è il caldo. L'allarme è arrivato dall'Inghilterra, dove una ricerca della Kwik-Fit (un'azienda che opera nell'assistenza automobilistica) ha fotografato le abitudini dei guidatori britannici ed ha constatato che l'utilizzo dell'aria condizionata può diminuire la probabilità di addormentarsi al volante.

Per farsi un'idea della pericolosità del fenomeno, basta pensare che, in una situazione di stanchezza in cui il guidatore tiene gli occhi chiusi per un secondo, un'auto lanciata a 100 Km/h percorre 28 metri praticamente senza controllo. Inoltre, la maggior parte degli incidenti avviene fra le 2 e le 6 del mattino e nel pomeriggio, perché le prestazioni fisiche e mentali di un uomo scendono rapidamente dopo le 22 e raggiungono il punto minimo tra le 3 e le 4, ritornando ai massimi livelli solo all'alba, che viene indicato come il miglior momento per mettersi in viaggio.

I consigli per evitare questa situazione sono sempre gli stessi: fare soste a intervalli regolari se la percorrenza è lunga, non mangiare troppo prima di mettersi al volante o fare attenzione a non assumere medicinali che inducono alla sonnolenza. Tuttavia, il numero degli automobilisti che continuano a subire i "colpi di sonno" rimane alto: in Inghilterra ce ne sono stati 6 milioni l'anno scorso. Il 41% lo ha attribuito alla stanchezza personale, ma è interessante notare come anche le condizioni della strada possono essere determinanti. Più del 41% ha detto di essersi sentito stanco per via della "monotonia" del viaggio e il 20% degli incidenti avviene su percorsi giudicati "noiosi".

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top