dalla Home

Motorsport

pubblicato il 24 giugno 2009

F1: è accordo tra FIA e FOTA

Nel 2010 si correrà con le regole del 2009. Mosley non si candiderà

F1: è accordo tra FIA e FOTA

Si chiude con un netto successo per i costruttori la partita politica tra la FIA e la Fota e, a farne le spese, è Max Mosley che non rinnoverà la sua candidatura alla presidenza della FIA. Una boccata d'ossigeno per il circus, nel quale si respirava da troppo tempo una pesante atmosfera d'incertezza. Ma quale sarà allora la F1 del 2010?

Con Mosley fuori dai giochi, l'ingombrante Presidente comincerà da subito a disinteressarsi delle faccende riguardanti la F1, le squadre prenderanno parte al mondiale 2010 con medesime regole tecniche di quest'anno, il paventato tetto del budget che tanto aveva fatto discutere i Costruttori non sarà applicato e anche l'accordo con la Fom, la società che detiene i diritti tv, valido fino al 2012, verrà rispettato. Sulla griglia di partenza del 2010 inoltre, oltre si schiereranno anche le 3 squadre già ufficializzate da Mosley: Manor, Campos e USF1.

Si profila dunque un mondiale equilibrato, basato su regole ormai chiare, dove tutti potranno sviluppare la monoposto nella direzione giusta dall'inizio senza lo spettro della politica a minacciare l'esito delle competizioni.

Autore: Valerio Verdone

Tag: Motorsport


Top