dalla Home

Curiosità

pubblicato il 23 giugno 2009

BMW: nuovo centro per l’aerodinamica

EfficientDynamics ora è di casa a Monaco, non solo per i motori

BMW: nuovo centro per l’aerodinamica
Galleria fotografica - BMW: nuovo centro per l’aerodinamicaGalleria fotografica - BMW: nuovo centro per l’aerodinamica
  • BMW: nuovo centro per l’aerodinamica - anteprima 1
  • BMW: nuovo centro per l’aerodinamica - anteprima 2
  • BMW: nuovo centro per l’aerodinamica - anteprima 3
  • BMW: nuovo centro per l’aerodinamica - anteprima 4
  • BMW: nuovo centro per l’aerodinamica - anteprima 5
  • BMW: nuovo centro per l’aerodinamica - anteprima 6

BMW e il suo gruppo hanno un nuovo centro prove per l'aerodinamica dove saranno messe a punto le forme delle BMW, Mini e Rolls-Royce del futuro, in particolare per ridurre la resistenza dell'aria all'avanzamento, fattore tornato ad essere fondamentale per ottenere consumi ed emissioni di CO2 più contenute.

Il nuovo centro ha richiesto un investimento di 170 milioni di euro e, all'interno di un'architettura davvero personale per complessivi 36mila mq, comprende ben due gallerie del vento inoltre si trova nelle immediate vicinanze del Research and Innovation Centre (FIZ) offrendo la possibilità di testare i modelli a grandezza naturale fornendo così informazioni (oltre 100 parametri) assolutamente attendibili sul comportamento aerodinamico delle vettura vera, ma soprattutto di integrare meglio la messa a punto della forma esterna all'interno del suo intero ciclo di sviluppo, accorciandone i tempi e riducendo il ricorso alla pista per la verifica dei dati sperimentali.

Le nuove gallerie possono simulare velocità fino a 300 km/h ed anche molte situazioni del traffico normale nel quale il veicolo interagisce con gli altri veicoli e con altri fattori esterni, come ad esempio il sorpasso, l'affrontare una curva o un movimento provocato da un avvallamento del fondo stradale. In questo modo BMW concentra maggiore attenzione verso l'aerodinamica all'interno dalla strategia EfficientDynamics, pur non dimenticando la propria specialità che sta anche nel proprio nome: Fabbrica Bavarese di Motori. Un miglioramento del 10% nell'aerodinamica porta un calo dei consumi di carburante (e quindi di emissione di anidride carbonica) del 2,5%, ancora più marcato viaggiando nel traffico extraurbano ed autostradale. Un apporto troppo importante per essere ignorato.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , Bmw


Top