dalla Home

Motorsport

pubblicato il 19 giugno 2009

F1: la Fota tende una mano alla FIA

L'associazione dei Costruttori scrive una lettera dai toni concilianti

F1: la Fota tende una mano alla FIA

La questione politico regolamentare continua ed essere l'argomento cardine della stagione di F1 2009 e la disputa tra la FIA e la Fota prosegue ininterrottamente come le migliori soap opere. L'ennesimo colpo di scena è arrivato tramite una missiva scritta dalla Fota alla FIA, in cui i team associati chiedono di prolungare fino al 1° luglio la data d'iscrizione al discusso mondiale 2010. "E' giunto il momento - si legge nella lettera della Fota - in cui, nell'interesse dello sport, tutti dobbiamo cercare un compromesso e trovare una soluzione al prolungato dibattito riguardante il campionato del mondo 2010".

Parole di apertura che denotano l'intenzione dei team di procedere sulla strada non belligerante del dialogo e smorzano temporaneamente i toni della polemica. "Speriamo che consideriate questa lettera come un passo significativo delle squadre, i quali tutti hanno chiaramente dichiarato di volersi impegnare per questo sport fino alla fine del 2012". Insomma, le trattative sono riaperte, ma le squadre richiedono alla FIA di rivolgere maggiori attenzioni alle loro iniziative. "Vorremmo anche fortemente, ma rispettosamente richiedervi di considerare queste proposte e di cercare di evitare la potenziale fuoriuscita di questi team dalla F1".

La FIA, apprezzando i segnali distensivi provenienti dai team, ha invitato gli stessi ad prendere parte al mondiale 2010 senza riserve, rendendosi disponibile a discutere i contenuti del regolamento relativo al prossimo anno una volta chiuse le iscrizioni. Un passo avanti, non c'è dubbio, ma cosa succederebbe se la Fota accettasse le promesse della FIA e la Federazione non rispettasse gli accordi una volta ottenute le iscrizioni?

Autore: Valerio Verdone

Tag: Motorsport , formula 1


Top