dalla Home

Novità

pubblicato il 2 luglio 2009

BMW X1

Trazione integrale o posteriore, 3 diesel e 1 benzina. Da 33.600 euro

BMW X1
Galleria fotografica - BMW  X1Galleria fotografica - BMW  X1
  • BMW  X1 - anteprima 1
  • BMW  X1 - anteprima 2
  • BMW  X1 - anteprima 3
  • BMW  X1 - anteprima 4
  • BMW  X1 - anteprima 5
  • BMW  X1 - anteprima 6

Misure appena più ridotte rispetto alla X3, immagine a metà strada fra la familiare e la classica SUV compatta tanto di moda in questo periodo, però con una virata verso la guida dinamica e il lusso che non può mancare nel patrimonio genetico di BMW. Così appare la nuova BMW X1, debuttante assoluta in un segmento che, oltre ad avere naturali avversari in Toyota Rav-4, Volkswagen Tiguan, Audi Q5 e Mercedes GLK, trova qualche similitudine con vetture tipo Audi A4 Allroad e Volvo XC70. Solo per fare un confronto con la sorella maggiore X3, le misure di 4.454 x 1.798 x 1.545 mm della X1 stanno a indicare una lunghezza inferiore di 11,5 cm, una larghezza ridotta di 5,5 cm ed una altezza totale inferiore di quasi 13 cm. Il passo è invece più corto di soli 3,5 cm, indicando una scelta che privilegia la stabilità, l'abitabilità e ridotti sbalzi. Questo è l'obiettivo di X1, di proporre un mezzo a 4 o 2 ruote motrici che possa soddisfare le più comuni esigenze di mobilità su terreni difficili, combinandole con doti stradali di alto livello.

FAMILIARE ALTA CON UN TOCCO DI SPORTIVITA'
Lo stile non si può certo definire spartano o adatto alla vita campestre, ma come le ultime proposte in questo segmento delle crossover compatte l'eleganza cerca di andare di pari passo con soluzioni funzionali e pratiche. L'assetto rialzato, l'altezza da terra non indifferente, i fascioni inferiori neri e gli importanti cerchi in lega contribuiscono a darle quel caratteristico aspetto da vettura ogni-terreno che non vede l'ora di affrontare l'asfalto, riprendendo al contempo degli elementi stilistici dalla BMW Serie 1 e dalla Serie 3 su cui è basata. I gruppi ottici anteriori hanno un design che porta avanti la recente tradizione la casa bavarese, così come i posteriori sagomati a "L". Tipico della famiglia "X" è l'andamento rialzato della linea di cintura nella zona del terzo finestrino laterale, elelemento stilistico che dona sportività all'insieme e alleggerisce l'eventuale pesantezza di volumi importanti. L'allestimento X Line opzionale aggiunge alcuni inserti di colore argento sugli spoiler anteriori e posteriori, lungo le bandelle laterali e sui mancorrenti al tetto.

All'interno spicca la posizione di guida rialzata, la plancia a forte sviluppo orizzontale con Control Display integrato con cruscotto rivolto verso il guidatore, così come i comandi audio e della climatizzazione. La consolle centrale divide nettamente i due passeggeri anteriori. Numerosi sono i cassetti e i vani portaoggetti sparsi nell'abitacolo per le esigenze dei 5 passeggeri ospitati a bordo, mentre il bagagliaio posteriore ha una capacità di carico che varia dai 420 litri ai 1.350 litri della configurazione con schienali posteriori abbattuti; questi sono poi abbattibili separatamente nella proporzione 40/20/40 e hanno un livello di inclinazione regolabile di 31 gradi che consente di ampliare il vano di carico a 490 litri pur ospitando i tre passeggeri posteriori. Sotto il piano del bagagliaio è ricavato uno spazio supplementare.

UN BENZINA E TRE DIESEL
Al momento del lancio sono disponibili sulla BMW X1 un solo motore a benzina e ben tre a gasolio, a cui si aggiungerà nella primavera del 2010 un benzina di cilindrata ridotta. Tutti i propulsori rispondono alla normativa Euro 5 e le versioni a trazione posteriore sDrive18d e sDrive20d possono addirittura vantare emissioni di CO2 inferiori ai 140 g/km, valori inediti per la categoria. Con queste due motorizzazioni quindi gli acquirenti italiani potranno godere degli incentivi statali alla rottamazione, sempre che la presentazione di fine ottobre 2009 lasci il tempo di usufruire della promozione in scadenza a fine anno. Tutte le X1 sono dotate di sistema di recupero dell'energia in frenata, pneumatici a bassa resistenza al rotolamento e, sui modelli a cambio manuale, di Auto Start/Stop e dell'indicatore del punto ottimale di cambiata. L'unica versione a benzina disponibile da subito è proprio il top di gamma, vale a dire la BMW X1 xDrive28i spinta dal 6 cilindri in linea di 3 litri da 258 CV e 310 Nm. I dati di velocità massima e accelerazione 0-100 riferiscono di 205 km/h (230 km/h con la taratura per alte velocità, disponibile come optional) e 6,8 secondi. Il consumo medio è di 9,4 l/100 km e 219 g/km sono le emissioni di CO2. Una nota di curiosità riguarda la cosiddetta "taratura per alte velocità", un accessorio che predispone la vettura ad affrontare velocità elevate e che sulle versioni più potenti regala da 10 a 25 km/h; probabilmente si tratterà di un optional non disponibile su tutti i mercati. Scendendo nei livelli di potenza ma rimando sempre sulla trazione integrale troviamo la xDrive23d che grazie al common rail Twin Turbo di 2 litri eroga una potenza 204 CV e ben 400 Nm di copia tra i 2 000 e i 2 250 giri/min. La BMW X1 xDrive23d accelera da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi e la velocità massima è di 205 km/h (223 km/h con taratura per alte velocità). 6,3 sono i litri di gasolio consumati in 100 chilometri, pari a 167 g/km di CO2. Stesso motore quattro cilindri diesel ma singolo turbo e potenza ridotta per la xDrive20d da 177 CV e 350 Nm che va da 0 a 100 km/h in 8,4 secondi e raggiunge i 205 km/h (0 213 km/h). Il consumo medio è in questo caso di 5,8 l/100 km con 153 g/km di CO2. Scendendo ancora nel listino X1 troviamo la prima delle trazioni posteriori, la sDrive20d che si distingue dalla sorella 4wd per la migliore accelerazione da 0 a 100 (8,1 secondi), la velocità di punta (218 km/h), il consumo inferiore (5,3 l/100 km) e le ridotte emissioni di anidride carbonica che le consentono di rientrare nei limiti degli ecoincentivi (139 g/km).
Alla base della gamma ci sono infine le BMW X1 xDrive18d e BMW X1 sDrive18d dotate della versione da 143 CV e 320 Nm del quattro cilindri turbodiesel common rail. Unica differenza è il sistema di trazione integrale o posteriore che consente loro di accelerare da 0 a 100 km/h rispettivamente in 10,1 e 9,6 secondi e di raggiungere i 195 e i 200 km/h. Anche in questo caso il minor peso dovuto all'assenza delle quattro ruote motrici permette alla sDrive18d di ottenere consumi di 5,2 litri per 100 chilometri e un valore di CO2 di 136 g/km; la xDrive18d dal canto suo si accontenta di un comunque apprezzabile 5,7 l/100 km e un valore di CO2 di 150 g/km. A partire dalla primavera del 2010 sarà disponibile, almeno in Germania, la BMW X1 sDrive18i versione base a benzina che farà sicuramente del prezzo d'attacco e dei bassi costi di gestione uno dei fattori di richiamo sul pubblico.

MECCANICA ED ELETTRONICA
Il cambio è un manuale a 6 marce, sostituito dall'automatico a 6 rapporti su xDrive28i e xDrive23d. Per la prima volta il sistema di trazione integrale intelligente xDrive approda su una compatta, abbinata al Controllo dinamico di stabilità (DSC) e alla gestione motore. Il DSC comprende la funzione di ABS, il Dynamic Brake Control, l'assistente di frenata in curva CBC e la modalità di trazione DTC (Controllo dinamico della trazione). A richiesta, in combinazione con la taratura sportiva dell'assetto, offerta come optional, nelle varianti della BMW X1 a trazione integrale il Performance Control mette a disposizione un intervento dosato dei freni con compensazione di coppia, così che nella guida altamente dinamica in curva la tendenza al sottosterzo viene soppressa già al momento di formazione. Non appena le ruote anteriori tendono fortemente verso l'esterno, la ruota posteriore al lato interno della curva viene frenata dal controllo del DSC. La risultante perdita di spinta viene compensata con un aumento della potenza motrice. L'assetto prevede l'asse posteriore a cinque bracci, mentre l'anteriore è diverso a seconda che si parli di un modello a trazione integrale o posteriore: nel caso delle quattro ruote motrici l'avantreno è dotato di asse a doppio snodo con braccio di spinta, mentre le sDrive hanno braccio tirato. In combinazione con , montato in tutti i modelli, viene raggiunta così una taratura perfetta tra sportività e comfort di guida. I freni a disco hanno dimensioni diverse fra i due assi e vanno dai 312/348 mm davanti e 300/336 mm dietro, ospitati entro cerchi (in acciaio o in lega) da 17 pollici con pneumatici runflat.

SICUREZZA STANDARD
La dotazione di base è nella media delle vetture di questa categoria, comprende già 6 airbag, cinture di sicurezza a tre punti per tutti i passeggeri e ISOFIX posteriore che, combinati alla robustezza della scocca, dovrebbero garantire un livello di sicurezza adeguato. Per migliorare il livello di sicurezza attiva, già comprensiva di luce diurna e le luci stop adattive, si può pescare a piene mani dal listino accessori che include i proiettori bixeno, l'assistente fari abbaglianti, un sensore pioggia e l'Adaptive Light Control che provvede a illuminare la strada in dipendenza dell'angolo di sterzo.

OPTIONAL E PREZZI
Per una vita a bordo sempre più piacevole e rilassante BMW mette a disposizione dei clienti X1 una lunga lista di optional che vede ai primi posti il riscaldamento dei sedili, il climatizzatore automatico, il grande tetto panoramico in vetro, interfaccia USB e sistema HiFi Professional Pro Logic 7. Assieme al sistema di navigazione Business o Professional a comandi vocali, la BMW X1 viene equipaggiata con il sistema di comando iDrive della nuova generazione, abbinato a un Control Display da 6,5 o 8,8 pollici dove viene eventualmente visualizzata l'immagine della fornita dalla telecamera di retromarcia del Park Distance Control.

La data del lancio europeo è fissata per il 24 ottobre 2009. Delle nuove vetture prodotte nello stabilimento BMW di Lipsia si conoscono già i prezzi: si parte dalla BMW X1 sDrive18d che costa 33.600 euro.

PRIMO CONTATTO
Il nostro approccio con la nuova X1 passa attraverso una xDrive20d dotata di cambio automatico 6 marce (optional da 2.200 euro) e pacchetto X line (340 euro) con finiture metalliche esterne. L'abitacolo offre l'ormai nota impostazione BMW dell'ultima generazione, improntata da una semplicità high-tech molto efficace, ma dall'aspetto un po' austero. Il tempo per trovare una corretta posizione di guida è ridotto e si parte subito godendosi il sole che filtra attraverso il grande tetto in vetro panoramico (1.400 euro); qualche minuto occorre per intuire le varie funzioni dell'unico pulsante di apertura e per impostare il clima, mentre uno sguardo all'indietro ci permette di apprezza l'ampio spazio a disposizione dei passeggeri posteriori e dei bagagli. Già i primi metri ci confermano che questo cambio automatico con funzione sequenziale Steptronic è il perfetto complemento del 4 cilindri common rail da 177 CV, rapido a salire di giri, generoso nella coppia e relativamente sobrio nei consumi, rimasti attorno ai 6 l/100 km nel corso della prova. In città la X1 si muove agile con le sue misure di 4.454x1.798x1.545 millimetri, una massa di 1.660 chili e una facilità di guida da utilitaria. Fuori dal perimetro urbano la X1 xDrive20d mostra qualcosa in più del suo carattere da viaggiatrice, mantenendo anche in autostrada livelli di comfort e silenziosità da berlina d'alto livello.

Per i tratti più guidati e tortuosi del percorso abbiamo a disposizione una xDrive23d (da 40.200 euro), perfetta per chi vuole veramente il massimo dal diesel: doppio sistema di sovralimentazione TwinPower Turbo, 204 CV e 400 Nm danno alla guida una nuova connotazione, più sportiva e in alcuni momenti rabbiosa. Nessun tratto di vero fuoristrada nel percorso di prova, se si eccettua una bella serie di curve, dossi, cunette e asfalto rovinato nel tratto collinare, situazioni in cui la X1 dimostra una sicura tenuta di strada, unita ad una inevitabile sensazione di "pesantezza" del corpo vettura. L'ultima parte del test è stato fatto su di una X1 xDrive28i (da 43.000 euro), spinta dal 6 cilindri benzina di 3 litri e 258 CV. Con questo propulsore sotto il cofano, l'ultima arrivata di casa BMW si crede quasi una sportiva, e anche se a livello cronometrico la differenza con la 23d è minima, il suono del "6 in linea" sottolinea con vigore l'accelerazione verso velocità proibite. In questo caso l'automatico manifesta qualche difficoltà nel mantenere i ritmi di cambiata imposti dal kick-down, cosa che può essere risolta andando a inserire manualmente le marce con la leva centrale o i bilancieri al volante.

BMW X1

Misure appena più ridotte rispetto alla X3 e immagine a metà strada fra la familiare e la classica SUV compatta tanto di moda in questo periodo. Così appare la BMW X1.

Scheda Versione

Bmw X1
Nome
X1
Anno
2009 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Novità , Bmw


Top