dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 11 giugno 2009

Dall'Eco Tagliando è nata una foresta

Toyota l'ha inaugurata all’interno del Parco del Ticino

Dall'Eco Tagliando è nata una foresta

Oggi nella Tenuta Campolungo all'interno del Parco Regionale della Valle del Ticino in località Travacò Siccomario (PV) si è tenuta l'inaugurazione della prima foresta adottata da Toyota sul territorio italiano. Si tratta di una foresta di complessivi 191.040 mq che si estende in due diverse aree del Parco, 100.000 mq a Zerbolò nel Bosco Siro Negri e 91.040 mq a Travacò Siccomario nella Grande Foresta Di Pianura, che è stata creata grazie ai proventi dell'Eco Tagliando lanciato ad ottobre dal costruttore giapponese.

L'Eco Tagliando, per chi non lo ricorda, prevede, rispetto ad un "normale" tagliando, una serie di interventi e la sostituzione di alcuni componenti meccanici per l'ottimizzazione del consumo di carburante. L'impegno della Casa automobilistica, che aderisce al progetto Impatto Zero di Lifegate, è quello di compensare le emissioni di CO2 generate dall'auto di ogni cliente che aderisce all'iniziativa creando nuove foreste. Per questo viene rilasciato a chi scegli l'Eco tagliando un bollino particolare che attesta la creazione di un'area boschiva adeguata al bilanciamento delle emissioni prodotte in 2.500 km di percorrenza.

Con la cerimonia di oggi, in cui gli ospiti sono stati invitati a piantare dei giovani alberi, il progetto è arrivato a metà strada del percorso che Toyota Motor Italia si è prefissata di compiere. La sfida è raggiungere entro ottobre 40.000 Eco Tagliandi, ovvero circa il 15% del totale tagliandi che vengono effettuati dai clienti italiani in un anno. Un obiettivo che permetterà la piantumazione di circa 2 milioni di mq totali di foresta in Italia e nel mondo entro marzo 2010.

Autore:

Tag: Curiosità , Toyota , mobilità sostenibile


Top