dalla Home

Mercato

pubblicato il 8 giugno 2009

Lamborghini: lotta al CO2

Il 35% in meno per le vetture entro il 2015, il 20% per la fabbrica già dal 2010

Lamborghini: lotta al CO2

Lamborghini va forte anche sul terreno del rispetto ambientale e annuncia che dal 2010 taglierà le emissioni di CO2 del 20% per i propri i propri stabilimenti di produzione e addirittura del 35% per le proprie vetture entro il 2015.

Il piano di sviluppo che riguarda l'impianto di Sant'Agata Bolognese sarà messo in opera entro la fine di quest'anno dotandolo di un impianto voltaico con 17mila mq di pannelli per una potenza installata di 1,4 megawatt che consentirà di produrre 1.581.956 kWh/anno, che equivale a una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 (-1.067.820 Kg/ anno) entro il 2010. Altri interventi saranno attuati per migliorare l'isolamento termico che consentirà un'ulteriore risparmio energetico aggiungendosi ai risultati già ottenuti con l'inaugurazione del nuovo centro logistico avvenuta lo scorso anno e che ha contribuito a diminuire l'impatto dei mezzi pesanti tra Anzola e Sant'Agata per 75 kg di polveri e 750 kg di ossido di azoto all'anno.

Ancora più ambizioso invece il piano che riguarda il prodotto e che prevede un investimento di 35 milioni di euro necessari a sviluppare quelle soluzioni tecniche necessarie a tagliare le emissioni di CO2 delle vetture del 35% entro il 2015, anno nel quale le emissioni dovranno scendere a 135 g/km e a 95 g/km per il 2020 per le grandi Case con una deroga per quei piccoli costruttori che producono meno di 10mila vetture all'anno e sono dotate di proprie strutture di ricerca e sviluppo, anche se sono parte di gruppi più ampi. È precisamente il caso della Lamborghini che, dopo il notevole miglioramento del 18% su questo versante ottenuto dalla Gallardo LP560-4 sul nuovo V10 5.2 a iniezione diretta, si impegnerà a perfezionare ulteriormente i processi di combustione, a ridurre gli attriti dei motori e renderli idonei a bruciare anche biocarburanti. Le Lambo dei prossimi anni saranno inoltre più leggere e avranno soluzioni ibride a partire dallo stop and start per finire ad applicazioni più complesse.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Lamborghini


Top