dalla Home

Mercato

pubblicato il 3 giugno 2009

Freni in carbo-ceramica per tutti: obiettivo di Brembo e SGL

Nasce una joint venture per la produzione su larga scala

Freni in carbo-ceramica per tutti: obiettivo di Brembo e SGL

L'italiana Brembo e la tedesca SGL Group hanno unito le loro forze per creare una nuova società denominata Brembo SGL Carbon Ceramic Brakes dedicata allo sviluppo e alla produzione di dischi freno in carbonio ceramico per il settore auto e veicoli commerciali. L'idea di base è quella di sfruttare le sinergie fra il noto produttore italiano di sistemi frenanti e le capacità tecniche della ditta tedesca specializzata in materiali compositi per automatizzare la produzione della prossima generazione di dischi freno in carbonio ceramico e renderne possibile l'utilizzo ad un più ampio numero di veicoli.

Oltre a questo sviluppo in prospettiva è ovviamente prevista anche una prima fase produttiva che andrà a fornire di dischi carbo-ceramici tutte le principali marche di auto sportive e di lusso europee. Nello stabilimento tedesco di Meitingen e in quello italiano di Stezzano (BG) lavoreranno 350 persone, almeno per quanto previsto da questo primo accodo quinquennale con un fatturato 2009 previsto di circa 70 milioni di euro.

Unendo il know how dei due partner dovrebbe quindi essere possibile portare l'innovativo prodotto ad un nuovo livello di industrializzazione e commercializzazione, forse non per tutte le vetture ma sicuramente per una più grande fetta di mercato. Il tutto passerà attraverso nuovi sistemi produttivi automatizzati, meno costosi e più rapidi delle attuali fasi manuali e semi-automatiche.

Il vantaggio intrinseco in una maggiore diffusione dei freni in carbonio ceramico consiste anche in un minor peso rispetto ai dischi in ghisa (fino al 50%), traducibile in minori consumi e minori emissioni di CO2. Non trascurabili sarebbero anche i vantaggi diffusi di una maggiore durata e di una più sicura stabilità termica (resistenza al fading).

Autore:

Tag: Mercato


Top