dalla Home

Curiosità

pubblicato il 1 giugno 2009

Toshiba sviluppa i comandi a riconoscimento facciale

Per accendere la radio o regolare il clima in auto basterà un'occhiata

Toshiba sviluppa i comandi a riconoscimento facciale

L'azionamento dei vari sistemi presenti a bordo delle auto moderne può portare a volte a momenti di distrazione o di confusione per il guidatore, potenzialmente pericolosi su strada. Per ovviare a questo problema si sono sviluppati negli anni sistemi di comando più intuitivi o riuniti sotto un unico dispositivo di controllo tipo joystick, come anche i dispositivi a controllo vocale, capaci di riconoscere le parole del guidatore e attivare il comando richiesto senza staccare le mani dal volante.

Come ulteriore evoluzione di questo approccio "hands-free" alla gestione dei sistemi di bordo, i tecnici della giapponese Toshiba hanno pensato di trasferire una loro recente tecnologia di riconoscimento facciale dal mondo dei computer all'abitacolo delle auto. Quello che è già stato applicato ad alcuni PC Toshiba come un modo per accedere al proprio account semplicemente sorridendo, senza dover inserire password, viene sperimentato ora a bordo di un'auto, dove una telecamera osserva il volto del guidatore.

In pratica il sistema di riconoscimento facciale osserva il viso del conducente mentre questo guarda la strada e un sofisticato algoritmo confronta l'orientamento della testa, la direzione dello sguardo e il battito di ciglia con un database di possibili variabili per interpretarne bisogni e necessità. Oltre ad attivare e disattivare semplici comandi di bordo, il sistema porterebbe grandi vantaggi nel riconoscimento tempestivo di sonnolenza, stanchezza o distrazione del guidatore, funzione che molti costruttori stanno già studiando per le loro auto.

Gli unici punti deboli di questo sistema che scruta il volto del pilota per sondarne desideri e problematiche sono quelli riscontrati in condizioni di scarsa luminosità, in caso di utilizzo di occhiali da sole o nelle persone il cui viso è in parte coperto da lunghi capelli. Per questo i responsabili Toshiba frenano i facili entusiasmi e parlano di sola sperimentazione, senza programmi di commercializzazione a breve termine.

Autore:

Tag: Curiosità


Top