dalla Home

Tecnica

pubblicato il 28 maggio 2009

Crash Test Hyundai i20

Quasi record con 5 Stelle Euro NCAP e 102 punti

Crash Test Hyundai i20
Galleria fotografica - Crash Test Hyundai i20Galleria fotografica - Crash Test Hyundai i20
  • Crash Test Hyundai i20 - anteprima 1
  • Crash Test Hyundai i20 - anteprima 2
  • Crash Test Hyundai i20 - anteprima 3
  • Crash Test Hyundai i20 - anteprima 4
  • Crash Test Hyundai i20 - anteprima 5

Sembrano passati secoli dai tempi in cui i costruttori sudcoreani si limitavano a produrre auto su licenza o a copiare sfacciatamente i prodotti occidentali. Con livelli di crescita quantitativa e qualitativa che hanno dello sbalorditivo i vari Hyundai, Kia e Chevrolet si permettono di proporre modelli vincenti in ogni segmento di mercato, a livello di prodotti europei e giapponesi anche per quanto riguarda la sicurezza.

A dimostrazione di questa continua evoluzione c'è ora anche l'ottimo risultato conseguito dalla piccola Hyundai i20 nelle valutazioni sulla sicurezza attiva e passiva svolte dall'Euro NCAP. Le 5 stelle ottenute nel giudizio finale sono un ottimo indice delle doti di questa 5 porte coreana, ma risultano ancora più meritate se si scende nel dettaglio dei punti conquistati: con 102 punti attribuiti globalmente la Hyundai i20 si posiziona al secondo posto assoluto nella classifica delle vetture testate secondo i nuovi standard 2009, dietro ai 103 di Volkswagen Golf e davanti ai 100 di Citroen C6.

La i20 pare eccellere in tutte le tipologie di valutazione stabilite dai test Euro NCAP, a cominciare dall'88% di sicurezza nei crash test su occupanti adulti, con livelli ritenuti adeguati nello scontro frontale e buoni in quello laterale. Nel tamponamento da dietro i risultati sono appena inferiori. Anche l'83% di possibilità di avere scontri senza conseguenza fisiche sui bambini trasportati è un risultato paragonabile ai migliori del mercato, pur ammettendo che la strada da fare verso l'incolumità totale è ancora lunga. Da migliorare sono le indicazioni sulla presenza degli agganci ISOFIX posteriori e la segnalazione per il pilota circa la disattivazione dell'airbag passeggero.

Da record è il risultato relativo alla sicurezza pedoni, voce che vale alla i20 un bel 64% (23 punti sul totale) grazie alla conformazione del paraurti anteriore e del bordo cofano motore. Anche qui la perfezione è ben al di là dall'essere raggiunta, ma già è positivo poter vantare alti livelli protettivi per le gambe e per i pedoni più piccoli. A livello di dotazioni di sicurezza la piccola Hyundai raggiunge l'86% con ESP solo opzionale, segnalatore di cinture non allacciate per tutti i posti e senza regolatore/limitatore di velocità.

Autore:

Tag: Tecnica , Hyundai , crash test


Top