dalla Home

Attualità

pubblicato il 20 maggio 2009

Ferrari sconfitta in tribunale

La lotta legale relativa al regolamento di F1 2010 continuerà in aula

Ferrari sconfitta in tribunale

La recente sentenza emessa dal Tribunale delle grandi istanze di Parigi, che ha respinto il ricorso intentato dalla Casa di Maranello in merito alle modifiche al regolamento di F1 previste per il 2010, appare come una minaccia per il futuro della massima serie automobilistica. Infatti, una normativa tecnica che fissa il budget delle scuderie potrebbe snaturare uno sport fatto di continui investimenti per migliorare le performance delle monoposto.

L'attuale decisione ha permesso alla FIA ed al suo Presidente, Max Mosley, di guadagnare un punto di vantaggio nella partita politica intrapresa con i costruttori ed ha scatenato l'ennesima reazione della Ferrari che ha espresso il proprio punto di vista attraverso un comunicato stampa. Nel documento la Casa di Maranello ha fatto sapere che valuterà la possibilità di proseguire nell'azione legale intrapresa, e che, nel frattempo, s'impegnerà a lavorare nell'ambito dellaFOTA, in collaborazione con la FIA e il Commercial Rights Holder, per una Formula 1 che abbia norme uguali per tutti e una stabilità regolamentare.

Nello stesso tempo ha ribadito che, qualora non fosse possibile trovare un accordo fra tutte le parti coinvolte, secondo quanto deciso dal Consiglio d'Amministrazione del 12 maggio scorso, non procederà all'iscrizione delle proprie monoposto ad una competizione priva di quelle caratteristiche che hanno reso la Formula 1 la massima espressione dello sport automobilistico.

Comunque, gli appassionati possono stare tranquilli: in caso di abbandono del circus iridato, la Ferrari continuerà a correre, si legge, "in gare consone al calibro del marchio e adeguate al suo livello di innovazione e ricerca tecnologica".

Autore: Valerio Verdone

Tag: Attualità , Ferrari , formula 1


Top