dalla Home

Motorsport

pubblicato il 19 maggio 2009

Scheckter: ho pensato di riconsegnare il titolo

Il campione mondiale nel 1979 su Ferrari, confessa la sua delusione

Scheckter: ho pensato di riconsegnare il titolo

"Ho pensato seriamente di riconsegnare il mio titolo piloti". È la confessione di Jody Scheckter, il pilota sudafricano che nel 1979 vinse il mondiale piloti al volante della Ferrari 312 T4 (T3 nelle prime gare) davanti al compagno di squadra Gilles Villeneuve per poi ritirarsi l'anno successivo dopo una stagione fallimentare. Scheckter è stato l'ultimo campione mondiale su Ferrari per 21 anni prima dell'avvento di Michael Schumacher e da anni ormai si dedica con crescente successo alla sua azienda biodinamica che si trova a Overton, nella regione dell'Hampshire a 60 km a ovest di Londra.

"La politica ha fatto irruzione nella Formula 1 e il modo nel quale le cose sono gestite ora è molto, molto spiacevole. Ci sono stati momenti - continua Scheckter - nei quali ho pensato 'restituirò il mio titolo mondiale'. Penso che alcune regole e decisioni che sono state prese dalla FIA negli ultimi anni siano state davvero terribili. Penso che questo sport stia attraversando una fase di dittatura fallita, dal momento che la maggior parte delle dittature falliscono prima o poi". Alcuni insinuano che dietro le parole di Scheckter ci sia anche dell'altro visto che è l'unico campione ebreo e viceversa Max Mosley è figlio di un nazista inglese coinvolto, come è noto, in uno scandalo a sfondo sessuale nel quale venivano evocate immagini politiche naziste. Il campione sudafricano non ha tuttavia chiarito se darà seguito alle sue riflessioni o continuerà a tenere il suo titolo in bacheca, ma è certo che la Formula 1 sta attraversando uno dei periodi più bui della sua storia.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Motorsport


Top