dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 maggio 2009

Toyota Prius plug-in anche per l’Europa

150 esemplari in leasing in Francia, Germania, Olanda e Regno Unito

Toyota Prius plug-in anche per l’Europa
Galleria fotografica - Toyota Prius “plug in”Galleria fotografica - Toyota Prius “plug in”
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 1
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 2
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 3
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 4
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 5
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 6

Toyota si appresta a varare un programma triennale per l'ibrido plug-in in Francia, Germania, Olanda e Regno Unito con la locazione di oltre 150 veicoli nell'ambito di un programma più vasto a livello mondiale per 500 vetture che coinvolgerà anche Stati Uniti e Giappone. La protagonista sarà la nuova Prius dotata però di batterie agli ioni di litio (sviluppate e costruite dalla PEVE, Panasonic Electric Vehicle Energy, la joint-venture tra Toyota al 60% e Matsushita) e di presa di corrente in modo che possa sommare ai suoi noti sistemi di ricarica (motore a scoppio, rilascio o frenata) quello dalla presa domestica o dalle colonnine.

In questo infatti consiste la funzionalità plug-in che, insieme alla densità più che raddoppiata degli accumulatori rispetto a quelli odierni al Nickel-metal-idruro, permetterà alla Prius di viaggiare per più tempo e con prestazioni superiori solo in elettrico raggiungendo traguardi inediti in tema di consumi e di emissioni di CO2, in special modo se l'energia elettrica è prodotta con fonti rinnovabili. Si parla di un progresso del 15-20% di beneficio ambientale sul ciclo medio e, solo in elettrico, di un'autonomia di circa 15 km e una velocità massima di 100 km/h.

Il programma fa seguito ai test che sono stati condotti in Francia, Giappone e Stati Uniti sin dal 2007 e che, evidentemente, sono stati abbastanza convincenti per passare allo stadio successivo, ma sempre in modo estremamente graduale, come è costume di Toyota. Potersi avvalere di un gruppo selezionato di clienti per testare la funzionalità della parte elettrica nell'uso quotidiano costituirà inoltre un bagaglio di esperienza preziosissimo anche per l'auto elettrica alla quale la casa dei Tre Ellissi sta lavorando, in particolare per la iQ, come dimostra il prototipo di FT-EV presentato in occasione dell'ultimo Salone di Detroit che altro non è che la piccola 4 posti giapponese alimentata da una batteria capace di assicurare un'autonomia di 80 km. Il suo arrivo sul mercato è atteso nel 2012.

Le prime 100 Toyota Prius PHEV (Plug-in Electric Vehicle) saranno consegnate in autunno a Strasburgo dove, in collaborazione con la compagnia elettrica EDF, sono stati già approntati una rete di distribuzione dell'energia elettrica e un sistema di fatturazione capace di identificare la vettura ogni volta che viene attaccata a una colonnina di rifornimento per il computo dell'energia e l'addebito automatico in bolletta. L'obiettivo finale è naturalmente quello delle emissioni zero, un sogno che la Toyota si porta dietro dal 1925 quando il suo fondatore, Sakichi Toyoda (1867-1930), offrì un milione di yen per una batteria capace di erogare 100 per almeno 36 ore consecutive con un peso non superiore ai 225kg e un volume non oltre i 280 litri. Ancora oggi siamo ben lontani, ma quel sogno è ancora valido.

Scheda Versione

Toyota Prius plug-in
Nome
Prius plug-in
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
plugin
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Toyota , auto elettrica


Listino Toyota Prius

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.8 H ECVT Plug-in anteriore elettrico 136 1.8 5 € 38.700

LISTINO

 

Top