dalla Home

Motorsport

pubblicato il 13 maggio 2009

Superstars 2009: Martini dry

Ad Adria, la Chrysler 300 C SRT8 davanti a tutti

Superstars 2009: Martini dry

Dopo il successo sotto la pioggia nella prima gara, riecco sul gradino più alto del podio un Martini, in versione "dry". Pierluigi Martini al volante della sua Chrysler 300 C SRT8 conquista infatti il terzo gradino del podio in gara uno (primo Gabellini su BMW 550 i seguito da Papini su BMW M5) ed il primo in gara due, seguito da Cesari (BMW M5) e Gabellini.

Trasferta quasi da dimenticare per Morbidelli (BMW M3): in gara uno il pesarese partiva dalla prima fila ma, dopo una toccata alle gomme a lato pista nel duello iniziale con Gabellini, è costretto a fermarsi ai box. La sua furiosa rimonta viene poi vanificata per la perdita della ruota posteriore sinistra che lo porta fuori strada e lo costringe al ritiro. In gara due perde il terzo posto, a vantaggio di Gabellini, a causa di un calo di rendimento della vettura.

Molto attesa all'esordio, non fortunato, la Maserati dello Swiss Team condotta da Andrea Chiesa, che con pochissimi chilometri nelle ruote, si piazza decima in gara uno, a pieni giri, e si ritira in gara due poco prima della fine. In pratica uno shake-down onorato con 4 punti in classifica; vedremo nelle prossime gare.

Problemi per Pigoli, su Mercedes C63 AMG che, dopo il felice esordio di Imola, non va oltre un 5° e 7° posto. Da sottolineare viceversa la gara di Cesari che, a due soli anni dall'esordio in gare club, dice immediatamente la sua in un Campionato così combattuto come il Superstars al volante di una vettura impegnativa come la BMW M5.

La classifica di Campionato vede Martini in testa con 53 punti, seguito ad un punto da Gabellini mentre Pigoli è a quota 47. In quella a squadre svetta il Caal Racing con 118 punti che letteralmente relega al secondo e terzo posto i teams Zakspeed e Roal Racing con 53 e 48 punti

Prossimo appuntamento il 7 giugno a Magione.

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Motorsport


Top