dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 12 maggio 2009

Alfa Romeo Berlina Da Corsa

Niente paura: è solo l'esercizio di stile di un designer coreano

Alfa Romeo Berlina Da Corsa
Galleria fotografica - Alfa Romeo Berlina Da CorsaGalleria fotografica - Alfa Romeo Berlina Da Corsa
  • Alfa Romeo Berlina Da Corsa - anteprima 1
  • Alfa Romeo Berlina Da Corsa - anteprima 2
  • Alfa Romeo Berlina Da Corsa - anteprima 3
  • Alfa Romeo Berlina Da Corsa - anteprima 4
  • Alfa Romeo Berlina Da Corsa - anteprima 5
  • Alfa Romeo Berlina Da Corsa - anteprima 6

Il fatto che un designer coreano abbia scelto il marchio Alfa Romeo per proporre un suo esercizio di stile e che come nome abbia optato per un corretto Berlina Da Corsa non può che riempire d'orgoglio il cuore di noi italiani amanti delle belle auto. Peccato che l'Alfa Romeo Berlina Da Corsa ideata da Seongjun Ko lasci ogni attuale identità di marca Alfa Romeo per riallacciarsi ad uno stile generale di più di 40 anni fa.

D'accordo che il design nostalgico e di ritorno, partito dalla New Beetle ed approdato a MINI e 500, va ancora di moda, ma la concept disegnata dal sudcoreano sembra veramente troppo slegata dall'attuale realtà automobilistica. Seongjun Ko, laurea in design dei trasporti presso l'università di Hongik, è partito chiaramente dalla Alfa Romeo Giulia GT nelle sue versioni da corsa GTA e GTAm con parafanghi allargati e prive di paraurti per realizzare una serie di disegni e modelli che danno una nuova interpretazione di berlina sportiva.

Anche se il primo impatto visivo può dare l'impressione di trovarsi di fronte al prototipo di una qualche nuova muscle car americana, la classica mascherina Alfa, i due fari rotondi e tutta la parte anteriore danno effettivamente l'idea di essere un tributo alla bellezza senza tempo della coupé Bertone disegnata da Giorgetto Giugiaro. Una particolarità di questa concept (per ora allo stadio di modello in scala) è quella di avere il tetto flessibile e modificabile per trasformare la coupé in una 2 posti da pista o in una berlina a 4 posti, un po' come la BMW GINA Light Visionary Model. Da qui il nome "Berlina Da Corsa", adatta sia ai circuiti che al trasporto di quattro persone. Il sistema di trasformazione utilizza una "pelle" flessibile sotto cui si muovono cavi metallici azionati elettricamente che cambiano lunghezza e forma per creare due diverse sagome del tetto. Quest'ultimo è completamente privo di vetri nella parte posteriore e ci pare un po' sbilanciato verso l'utilizzo agonistico.

Per quanto fantasiosa e irrealizzabile, si può comunque dire che la Berlina Da Corsa potrebbe suscitare qualche interesse e offrire spunti per l'esplorazione di nuove/vecchie strade stilistiche in casa Alfa Romeo.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Alfa Romeo , car design


Top