dalla Home

Tuning

pubblicato il 12 maggio 2009

IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h

Difficile da credere, ma questa "Land Shark" punta a battere ogni record

IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h
Galleria fotografica - IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/hGalleria fotografica - IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h
  • IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h - anteprima 1
  • IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h - anteprima 2
  • IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h - anteprima 3
  • IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h - anteprima 4
  • IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h - anteprima 5
  • IAD Mosler MT900 GTR XX: 2.500 CV e 491 km/h - anteprima 6

Mister John Gocha, titolare della IAD (Intense Automotive Design) ha le idee ben chiare, per quanto estreme, su come si elabora una supercar per ottenere la più veloce vettura stradale al mondo. Se il sogno di Mr. Gocha di realizzare una sua IAD Mosler MT900 GTR XX da 2.500 CV non si scontrerà con insormontabili difficoltà tecniche, si può già profetizzare per il progetto "Land Shark" un futuro di record mondiali.

Secondo i dati ufficiali IAD, i tecnici sono partiti da una già superba Mosler MT900 GTR XX da 600 CV per creare un esemplare unico alleggerito, parecchio potenziato e definito ibrido dalla legislazione californiana per la sua capacità di essere alimentato a benzina, metanolo, idrogeno e etanolo. Il motore dovrebbe essere, ma il condizionale è d'obbligo, il GM Performance Parts LSX di 6,2 litri, debitamente ricostruito con quasi tutte le parti in alluminio ricavate dal pieno e dotato di doppio turbocompressore. Tutte le altre componenti del motore che non sono d'alluminio sono realizzate in titanio, carbonio o in materiale ceramico, per meglio sopportare le incredibili sollecitazioni di un simile mostro meccanico.

Gli oltre 2,500 CV promessi a 10.000 giri/min derivano anche dal sistema di alimentazione mista benzina/metanolo che sfrutta due serbatoi rispettivamente da 100 e 40 litri. Per lo stato della California si tratta quindi di un veicolo ibrido, in grado di utilizzare, al posto del metanolo, idrogeno o etanolo.

Grande attenzione è stata posta alla voce peso, tanto è vero che la già leggera Mosler di serie (circa 1.000 kg) è stata sfrondata di quasi 250 kg, tanto da far totalizzare alla Land Shark un incredibile valore di 861 kg a serbatoi pieni. Il risultato è ottenuto con una lista infinita di parti speciali in fibra di carbonio, Kevlar e titanio come forse non si era mai visto su una vettura stradale. Praticamente impossibile trovare qualche metallo meno nobile dell'alluminio aeronautico su questa creatura nata per battere ogni record precedente di potenza e velocità per auto targate, se qualcuno oserà immatricolarla...

Le prestazioni dichiarate sono così incredibili da risultare assurde fino a che non verranno confermate da prove strumentali ufficiali: circa 2,5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h, 6,7 secondi da 0 a 240 km/h e 17,5 secondi per arrivare fino a 400 km/h. I 400 metri con partenza da fermo dovrebbero essere coperti in 9 secondi (286 km/h la velocità d'uscita). La velocità massima teorica è di oltre 600 km/h (sic) con benzina racing da 118 ottani e apposite modifiche all'rodinamica, mentre con carburante normale e alettone posteriore la velocità di punta reale è "limitata" a 491 km/h. Per la prova di accelerazione e frenata 0-240-0 km/h dovrebbe impiegare 8,7 secondi e 8,5 secondi il tempo di arresto da 400 km/h.

A supportare queste prestazioni da dragster c'e la trazione integrale sviluppata da IAD con parti in fibra di carbonio e titanio, le sospensioni nello stesso materiale e le ruote in magnesio/titanio da 11.5x19" davanti e 14x20" dietro. Non sappiamo cosa ne pensino gli ingegneri Michelin delle velocità a cui saranno testati i loro pneumatici, ma IAD ha deciso di utilizzare delle Michelin Pilot Sport 2 nelle misure 285/35R19 e 345/30R20. L'impianto frenate prevede dischi carbo-ceramici da 400 mm e pinze a 8 pistoni raffreddate a liquido.

A livello aerodinamico la filante Mosler MT900 GTR XX ha guadagnato un deflettore frontale, il fondo piatto, la grande ala posteriore e numerose prese d'aria per il miglior raffreddamento del motore. Nell'abitacolo spiccano tutte le superfici lucidate in fibra di carbonio, sedili a guscio nello stesso materiale e le cinture di sicurezza a 6 punti con elementi in titanio.

Per provarne le reali capacità, Land Shark è già stata prenotata per le sessioni di prova sulle distese salate della Bonneville Speed Week 2009, dove tenterà di assicurarsi il posto nel Guinness dei Primati come auto stradale più veloce al mondo. Altra bella prova in programma è quella di andare poi sul circuito del Nurburgring, dove Gocha spera di avere al volante Michael Schumacher per spingere al massimo il potenziale della sua IAD Mosler.

Autore:

Tag: Tuning , tuning , record


Top