dalla Home

Mercato

pubblicato il 9 maggio 2009

Marchionne: Suzuki non entra in Fiat-Opel

Smentite le voci su una espansione a oriente

Marchionne: Suzuki non entra in Fiat-Opel

Ormai a Sergio Marchionne i giornali di mezzo mondo sembrano attribuire ogni tipo di dichiarazione relativa ad alleanze e acquisizioni del gruppo Fiat in giro per il globo. L'ultima di queste voci era trapelata qualche giorno fa sulla stampa italiana e aveva dato per probabile un viaggio dell'amministratore delegato in Giappone per accordi con la Suzuki.

In occasione della Festa della Polizia tenutasi a Torino sabato 9 maggio Marchionne ha risposto ad una domanda in merito a questo ventilato interessamento verso Suzuki e il CEO Fiat ha smentito seccamente liquidando queste voci come "cavolate". Se l'accorpamento della giapponese Suzuki nella fusione Fiat-Opel può sembrare effettivamente lontano dalla realtà, l'idea che il costruttore nipponico possa avere un ruolo nel nuovo maxi-gruppo europeo non è così peregrina.

Suzuki è già infatti partner di Fiat per quanto riguarda il progetto Fiat Sedici e con Opel per l'Agila, entrambe costruite nello stabilimento ungherese di Esztergom. Suzuki dovrà quindi in qualche modo interpellata come partner di una importante joint-venture che dai tempi della prima Opel Agila ha portato vantaggi a tutte le parti coinvolte.

Non resta quindi che attendere sviluppi nella gara fra Fiat e Magna International per l'acquisizione di Opel (entro la fine di maggio secondo Marchionne) e vedere quale ruolo giocherà il comune alleato Suzuki.

Autore:

Tag: Mercato , Suzuki


Top