dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 7 maggio 2009

Renault Kangoo be bop ZEV

E' il primo veicolo elettrico sperimentale dell’Alleanza franco-nipponica

Renault Kangoo be bop ZEV
Galleria fotografica - Renault Kangoo be bop ZEV Galleria fotografica - Renault Kangoo be bop ZEV
  • Renault Kangoo be bop ZEV  - anteprima 1
  • Renault Kangoo be bop ZEV  - anteprima 2
  • Renault Kangoo be bop ZEV  - anteprima 3
  • Renault Kangoo be bop ZEV  - anteprima 4
  • Renault Kangoo be bop ZEV  - anteprima 5
  • Renault Kangoo be bop ZEV  - anteprima 6

L'alleanza Renault-Nissan fa sul serio con l'auto elettrica e, dopo aver chiuso ben 24 accordi con diversi enti territoriali in tutto il mondo in vista della commercializzazione in grande serie a partire dal 2010, ieri ha presentato di fronte all'assemblea degli azionisti la Renault Kangoo be bop Z.E., derivazione diretta della ZE Concept presentata all'ultimo Salone di Parigi.

Molti gli elementi ripresi dal prototipo come la verniciatura blu energia, le parti cromo-satinate sia all'esterno sia nell'abitacolo rivestito anche di parti in ebano, i fari anteriori e posteriori a LED e infine gli pneumatici con cerchi da 18 pollici perfettamente carenati. Altro particolare originale è l'indicatore di carica posizionato sul fianco della vettura che dice al proprietario (o utilizzatore) quanta energia è contenuta nella batteria nel momento in cui si avvicina per sbloccare le porte e partire. A questo proposito, la batteria agli ioni di litio, è alloggiata sotto il pianale ed è prodotta dalla AESC (Automotive Electric Supply Corporation), joint-venture tra Nissan e NEC fondata nell'aprile 2007. La sua struttura è a 48 moduli ognuno dei quali contiene 4 celle per una capacità di 15 kWh e un'autonomia che al momento è di circa 100 km, ma sarà di 160 km quando sarà montata sui primi modelli di serie. Curati anche gli altri aspetti come la riciclabilità alla fine del ciclo di vita e la durata: Renault assicura che con questa tecnologia, la batteria con 6 anni di vita manterrà una capacità di ricarica compresa tra l'80% e il 100%. La ricarica avviene attraverso un connettore di tipo Marechal che si trova dietro uno sportellino accanto al faro anteriore destro. Dall'altra parte del filo, invece ci sono due soluzioni. O si utilizza la spina di casa a 220 Volt e in quel caso il pieno si fa da 6 a 8 ore, oppure quella trifase a 400 Volt e 32 Ampere per avere l'80% della ricarica in soli 30 minuti. A questo proposito, Renault e altri venti tra costruttori e compagnie elettriche stanno lavorando a una soluzione standardizzata per una presa trifase che abbasserà il tempo a 20 minuti.

Per quanto riguarda la parte elettromeccanica, la Kangoo be bop ZE ha un motore trifase da 44 kW (60 CV) e 190 Nm con un regime massimo di 12.000 giri/min e un rendimento di circa il 90%, ben oltre i migliori motori Diesel che non superano il 40%. È collegato alle ruote attraverso un riduttore senza l'interposizione di cambio, anche questo facilita il rendimento finale della catena cinematica. L'alimentazione è controllata da un'unità elettrica di potenza che include un e regola anche la fase di recupero dell'energia in rilascio. La velocità massima è limitata a 130 km/h.

La Kangoo be bop ZE è per ora un veicolo dimostrativo, ma dimostra che il piano presentato dall'Alleanza nel gennaio 2008 è confermato e la strategia è diventare il costruttore numero uno per i veicoli a emissioni zero. Comincerà la Nissan nel 2010 con un veicolo interamente elettrico per gli USA e il Giappone, seguita a ruota da Renault che commercializzerà una berlina familiare a partire da Israele e subito dopo con il nuovo Kangoo Express mentre nel 2012 sarà la volta di due auto completamente nuove: si parla di una vettura di segmento B e di una microcar, ma non è confermato. Intanto Kangoo be bop ZE potrebbe essere la cavia da usare negli accordi di sperimentazione. Ma anche questo non è confermato.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Prototipi e Concept , Renault


Top