dalla Home

Mercato

pubblicato il 5 maggio 2009

Daimler riduce i costi per non licenziare

Tutti d'accordo: orario ridotto, stipendio tagliato e aumenti rinviati

Daimler riduce i costi per non licenziare

La riduzione dei costi lavorativi è al momento l'obiettivo principale della tedesca Daimler AG, i cui vertici si sono accordati con il consiglio di fabbrica dei lavoratori per attivare una serie di misure volte a ridurre i costi e garantire i posti di lavoro. Il pacchetto di contenimento del costo del lavoro all'interno del gruppo Daimler punta ad un risparmio netto di 2 miliardi di euro senza ricorrere a licenziamenti o cassa integrazione.

I punti principali dell'accordo fra azienda e lavoratori prevede innanzitutto la riduzione dell'orario di lavoro per i contratti a tempo indeterminato, una corrispondente decurtazione dello stipendio percepito e un rinvio di 5 mesi per ciò che riguarda l'aumento di stipendio da contratto collettivo. Queste misure dovrebbero aiutare Daimler AG a superare l'attuale difficile situazione economica, evitando sprechi e, soprattutto, licenziamenti.

In cambio di questi non piccoli sacrifici da parte dei lavoratori, l'azienda garantisce i posti di lavoro contro la cassa integrazione e i licenziamenti per crisi aziendale dal primo maggio 2009 fino al 30 giugno 2010, indipendentemente dalla data d'assunzione. L'accordo potrebbe comunque essere sciolto il 31 dicembre 2009 qualora le condizioni economiche fossero positivamente mutate.

Il pacchetto di misure per il contenimento dei costi e la salvaguardia degli impieghi prevede una riduzione generale dell'orario di lavoro dell'8,75% senza compensazione per tutto maggio 2009, riduzione non applicabile a apprendisti, stagisti e impiegati in prepensionamento. Negli stabilimenti Daimler del Baden-Württemberg l'azienda intende sfruttare gli accordi locali di finanziamento per prolungare la riduzione di stipendio derivante dalla riduzione dell'orario.

Un intervento di salvaguardia dei contratti a tempo determinato è stato deliberato per gli apprendisti lavoratori, programmati in crescita del 5% e tutelati da un accordo che prevede l'assunzione dell'80% di questi e un contratto di un anno in Daimler o aziende esterne per il rimanente 20%.

Autore:

Tag: Mercato , Mercedes-Benz , lavoro


Top