dalla Home

Motorsport

pubblicato il 3 maggio 2009

Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid

Nuovo sistema di recupero dell’energia cinetico per le corse. Andrà sulla Ferrari?

Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid
Galleria fotografica - Magneti Marelli, nuovo KERS con FlybridGalleria fotografica - Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid
  • Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid - anteprima 1
  • Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid - anteprima 2
  • Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid - anteprima 3
  • Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid - anteprima 4
  • Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid - anteprima 5
  • Magneti Marelli, nuovo KERS con Flybrid - anteprima 6

Magneti Marelli si allea con l'inglese Flybrid per il nuovo sistema KERS (Kinetic Energy Recovery System), ovvero il sistema da quest'anno utilizzato per regolamento da alcune vetture di Formula 1, tra cui la Ferrari, che consente di recuperare l'energia cinetica in frenata e di riutilizzarla su richiesta del pilota. Sono stati proprio i guai e l'efficienza non soddisfacente del sistema finora utilizzato dalla Ferrari in gara a convincere Magneti Marelli a correre ai ripari e a rivolgersi alla Flybrid per avvalersi del suo know-how.

L'obiettivo è lo sviluppo di un nuovo sistema denominato Flywheel Capacitor che si avvale, come dice il nome stesso, di un volano che gira a 60mila giri/min che integra l'accumulatore ed è collegato a un motore/alternatore attraverso un cambio a variazione continua provvisto di frizione. In questo modo il recupero di energia non è più elettrochimico attraverso una batteria separata, ma va direttamente sul volano che funge da accumulatore che ha un pieno di 600 kJ, pronti a trasformarsi in 60 kW per essere "sparati" dal pilota ogni volta che ne ha bisogno. Il tutto ha un'efficienza di circa l'80% e, secondo quanto dichiarato dal costruttore inglese, può essere racchiuso in un contenitore di 13 litri con un peso di circa 20 kg (completo di elettronica di controllo), inferiori a quelli del sistema Marelli attuale, musica per i progettisti di auto da corsa, da sempre a caccia di peso e spazio.

Ad assicurare l'affidabilità del sistema c'è il fatto che sia costruito in ogni componente in materiale ignifugo e giri sottovuoto proteggendo così gli altri componenti meccanici da eventuali guasti. Elemento non trascurabile è l'assenza della batteria al litio che, per quanto piccola, non offre ancora tutte le garanzie di affidabilità. In ogni caso, un componente in meno è un occasione in meno di avere guasti, anche questo elemento di massima considerazione per gli ingegneri. Non è stato confermato se questo nuovo KERS sarà utilizzato immediatamente dalla Ferrari in gara, ma la Magneti Marelli fa sapere che il nuovo sistema non porterà all'accantonamento di quello attuale. Interessanti sviluppi invece si potrebbero avere per lo sviluppo di sistemi analoghi per le vetture di serie, ma gli ostacoli tecnologici sono notevoli, non ultimo quello del rumore generato dal volano.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Motorsport , Ferrari , formula 1


Top