dalla Home

Mercato

pubblicato il 30 aprile 2009

Fiat-Chrysler: alle 18 l'ufficializzazione dell'intesa

Sarà Barack Obama a dare l'annuncio in una conferenza stampa

Fiat-Chrysler: alle 18 l'ufficializzazione dell'intesa

Fiat e Chrysler, c'è l'accordo. Sembra infatti cosa fatta per l'ingresso della Casa italiana nel 20% del capitale del terzo costruttore americano dopo il via libera dato dalle banche e l'accordo con i sindacati canadesi e quelli statunitensi che dovrebbero diventare azionisti di maggioranza con il 55% provvisoriamente attraverso il fondo pensioni, in attesa che Fiat salga al 35% e anche oltre con il progredire dell'integrazione effettiva tra le due Case. Il 10% dovrebbe invece essere del Tesoro americano.

Fonti ben informate affermano che l'annuncio sarà dato alle 18 (ora italiana) dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, il quale, sin dall'inizio, ha caldeggiato Fiat come partner ideale per Chrysler e che proprio ieri ha parlato di una procedura di fallimento controllata per la casa americana in modo da rendere veloce l'ingresso Fiat grazie a un accordo separato con i 46 creditori ai quali il Tesoro ha offerto 2,25 miliardi di dollari come indennizzo per i debiti della Casa di Auburn Hills che ammonterebbero a 6,9 miliardi di dollari.

L'agenzia di stampa Bloomberg ha parlato anche, citando fonti riservate, di uno scorporo di Chrysler in due entità la cui parte buona dovrebbe essere acquisita successivamente da Fiat attraverso una società terza che si configurerebbe come una holding. Rimarrebbe invece ancora in piedi la questione dell'integrazione tra la finanziaria Chrysler Financial e la GMAC LLC, posseduta al 51% con General Motors da Cerberus, il fondo di investimento privato che controlla Chrysler ormai al 100% dopo l'accordo raggiunto con Daimler 2 giorni fa. Queste le ipotesi e le voci raccolte sul campo. Alle 18 conosceremo la verità.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato


Top