dalla Home

Attualità

pubblicato il 28 aprile 2009

O paghi la multa o lavori gratis

È un’idea della Toscana: un’ora di servizio sociale ogni 20 euro di sanzione

O paghi la multa o lavori gratis

"Il trasgressore ha l'obbligo di pagare 38 euro per divieto di sosta, entro 60 giorni. In alternativa, può dedicare due ore ai lavori socialmente utili: assistenza gli anziani, aiuto ai disabili, raccolta della spazzatura, taglio dell'erba, pulizia di giardini pubblici o scuole o spiagge". È quanto potrebbe esserci scritto nei verbali lasciati dai Vigili in Toscana. Alla Giunta della Regione, infatti, è arrivato un disegno di legge (per la sicurezza) molto particolare: prevede che chi ha commesso un'infrazione come il divieto di sosta o il passaggio in una zona a traffico limitato possa scegliere se pagare la multa o lavorare. Idem per altre infrazioni, come il lancio di gavettoni, l'accensione di fuochi in luoghi pubblici, il mancato controllo di animali, il cammino su tetti e cornicioni. Grosso modo, il rapporto sarebbe di un'ora di lavoro "socialmente utile" ogni 20 euro di multa.

La notizia, apparsa anche sulla "Nazione" e sul "Corriere della Sera", suscita curiosità fra gli automobilisti. È pur vero che siamo ancora in fase di progetto di legge, ma, se si trasformasse in una norma definitiva, potrebbe aprire la strada a imitazioni in tutta Italia.

IL CODICE LO PERMETTE
Con le nuove regole, la Regione Toscana rispetterebbe in pieno il Codice della strada: prevede che le multe siano devolute a Regioni, Province e Comuni, quando le violazioni vengano accertate da agenti di quegli Enti locali (articolo 208, comma 1). E la metà delle entrate è destinata, almeno in teoria, al miglioramento della sicurezza stradale (comma 4). Tuttavia, è probabile che siano escluse le infrazioni rilevate con autovelox e T-Red (fotografa chi passa col semaforo rosso): queste multe, inviate a casa, difficilmente saranno barattabili con ore di lavoro, perché il proprietario dell'auto potrebbe raccontare che alla guida del veicolo c'era un'altra persona.

BASTA DIFFERENZE FRA RICCHI E POVERI
Uno degli obiettivi della possibile legge della Regione Toscana è quello di eliminare il dislivello fra poveri e ricchi: una multa per divieto di sosta di 38 euro è una brutta botta per chi vive con una pensione minima, mentre fa il solletico a chi gira con una fuoriserie. Dal momento che le sanzioni non vengono proporzionate al reddito, il lavoro "socialmente utile" farebbe un po' da riequilibratore sociale, pesando allo stesso modo sui cittadini (comunque è il trasgressore a decidere se pagare o lavorare).

62 voti Sondaggio

Pagare la multa o lavorare: è l’idea della Regione Toscana. Ti piace?

  
87%

No

  
1%

Sì, ma con clausole diverse

  
11%

 

Autore: Ezio Notte

Tag: Attualità


Top