dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 aprile 2009

Le sculture di Alistair Gibson

Opere ittiche con i pezzi della Formula 1

Le sculture di Alistair Gibson
Galleria fotografica - Le sculture di Alistair GibsonGalleria fotografica - Le sculture di Alistair Gibson
  • Le sculture di Alistair Gibson - anteprima 1
  • Le sculture di Alistair Gibson - anteprima 2
  • Le sculture di Alistair Gibson - anteprima 3
  • Le sculture di Alistair Gibson - anteprima 4
  • Le sculture di Alistair Gibson - anteprima 5
  • Le sculture di Alistair Gibson - anteprima 6

Alistair Gibson è un 47enne ex meccanico di vetture da corsa che ha lavorato per 14 anni nei box della Formula 1 per i team Benetton e BAR Honda. Terminata la carriera di meccanico, Gibson ha deciso di unire la passione per le auto da competizione con l'altro suo hobby preferito, la pesca sportiva. Con fantasia, esperienza e manualità non comuni si è ritirato nel proprio "studio 45" di Oxford per realizzare sculture di pesci realizzate in fibra di carbonio e numerose altre parti meccaniche della Formula 1. Le sculture, quasi tutte realizzate in tiratura limitata di 10 pezzi o 25 pezzi, riproducono fedelmente le forme dei pesci a cui sono ispirate.

Trota, Sgombro, Piranha, Squalo martello e Squalo Mako sono per ora i soggetti delle sue sculture, tutte rigorosamente accompagnate da una scheda che ne descrive minuziosamente i pezzi utilizzati, la loro provenienza e l'eventuale palmarès sportivo. Prendendo ad esempio la scultura della trota, ispirata al pesce che vive nel fiume Tarrant (Dorset, Inghilterra), leggiamo dalla "scheda tecnica" che il corpo è realizzato con due gusci di fibra di carbonio spessi 0,5 millimetri e riempiti con la schiuma poliuretanica utilizzata per i sedili da corsa. Per la coda sono stati utilizzati supporti in carbonio ricoperti dalla pellicola che si usa per proteggere la carrozzeria e gli alettoni. La pinna dorsale è composta da fili metallici per saldatura coperti dalla stessa pellicola.

Per le macchie e puntinature sul corpo sono utilizzate piastrine d'alluminio spazzolato e nastro d'alluminio aeronautico usato solitamente in galleria del vento. Il dettaglio della bocca e dei denti è fornito dal filo metallico Inconel 625 usato nell'impianto di scarico della Formula 1. Le altre pinne sono in titanio da 0,5 mm. Se a questo si aggiunge che la base d'appoggio della scultura è fatta con una lastra di Permaglass (materiale laminato composito) proveniente dalla Honda RA 106/ 04 con cui Jenson Button ha vinto il GP d'Ungheria 2006, vediamo quanto queste opere possano interessare gli amanti dell'arte, ma ancor di più gli appassionati di Formula 1 e i collezionisti di memorabilia automobilistica.

Autore:

Tag: Curiosità , formula 1


Top