dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 20 aprile 2009

Mitsubishi Outlander GT Prototype a New York 2009

Faccia di Lancer Evo X

Mitsubishi Outlander GT Prototype a New York 2009
Galleria fotografica - Mitsubishi Outlander GT PrototypeGalleria fotografica - Mitsubishi Outlander GT Prototype
  • Mitsubishi Outlander GT Prototype - anteprima 1
  • Mitsubishi Outlander GT Prototype - anteprima 2
  • Mitsubishi Outlander GT Prototype - anteprima 3
  • Mitsubishi Outlander GT Prototype - anteprima 4
  • Mitsubishi Outlander GT Prototype - anteprima 5
  • Mitsubishi Outlander GT Prototype - anteprima 6

La Mitsubishi Outlander GT ha debuttato al Salone di New York 2009, ed è soltanto un prototipo: deriva dalla Outlander attuale, dalla quale si differenzia per uno stile più orientato alla sportività e per una specifica elaborazione tecnica. Potrebbe essere il preludio ad una versione speciale, ma fornisce suggerimenti sulla possibile evoluzione stilistica della prossima Outlander.

STILE EVOX
La sperimentazione effettuata dai designers sulle forme della Outlander è in linea con l'attuale corso di stile Mitsubishi; l'ispirazione principale viene dalla Lancer Evo X e, in generale, dal legame con il mondo dei rally, che dal punto di vista pratico si realizza soprattutto con una nuova definizione della zona anteriore. Nella GT troviamo dunque la grande presa d'aria trapezoidale, che la Casa definisce "da Jet da Caccia", con ampliamento di parafanghi e carreggiata, nuovo cofano con forte bombatura centrale, fari sottili ridisegnati. Le modifiche al resto della carrozzeria, dipinta in una particolare tonalità di "bianco Diamond", seguono gli stessi principi: cerchi in lega OZ da 19", estrattore posteriore con scarichi accoppiati e lunotto avvolgente, che "ingloba" anche i gruppi ottici bruniti; spariscono ovviamente anche le barre sul tetto, e vengono ridotte le protezioni inferiori, ottenendo tra l'altro una migliore efficienza aerodinamica. I nuovi elementi stilistici trasformano in modo deciso l'aspetto e il carattere della vettura, seguendo lo stesso percorso che abbiamo visto, ad esempio, con la recente Colt Restyling: il design risulta accattivante, ma perde anche un po' di eleganza, e forse anche di coerenza stilistica con le parti della vettura non soggette a modifica.

ELABORAZIONE SPORTIVA
Oltre agli interni, che presentano accessori sportivi quali volante racing e pedaliera in alluminio, la Outlander GT Prototype è stata anche opportunamente elaborata per incrementare le prestazioni. Grazie a portiere e tetto di alluminio, è stato ridotto il peso complessivo, l'assetto è stato opportunamente ribassato, mentre il motore 3.0 V6 MIVEC -che non è presente nella gamma italiana- ha ottenuto un incremento di potenza di 10 CV, per un totale di 230 CV. Sono previsti anche due sistemi elettronici, denominati rispettivamente "Idle Neutral Logic" e S-AWC "Super-All-Wheel-Control": il primo permette l'inserimento automatico della posizione di folle a vettura ferma, il secondo, presente anche nella Evo X, permette un miglior controllo della vettura, agendo sul pedale dell'acceleratore, e in generale sull'erogazione della potenza, è in grado di variare dinamicamente la coppia motrice su ogni ruota, agendo su vari elementi, come ABS e ASC, erogazione della potenza, differenziale centrale attivo.

UN FUTURO DI SERIE
La GT Prototype potrebbe diventare una versione speciale sportiva e alto di gamma della Outlander attuale (ad esempio, una Outlander "Ralliart"), sebbene nulla sia trapelato al riguardo. La prossima generazione di Outlander potrebbe invece recuperarne alcuni elementi, elaborandoli in forma più moderna, a cominciare dalla caratterizzazione sportiveggiante e dalla "grafica" del frontale, tratti distintivi delle Mitsubishi più recenti.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , Mitsubishi


Top