dalla Home

Curiosità

pubblicato il 11 aprile 2009

Walter Rohrl festeggia i 100 anni di Audi

Quattro eventi speciali con la leggenda dei rally al volante di una Audi

Walter Rohrl festeggia i 100 anni di Audi
Galleria fotografica - Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter RohrlGalleria fotografica - Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl
  • Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl - anteprima 1
  • Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl - anteprima 2
  • Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl - anteprima 3
  • Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl - anteprima 4
  • Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl - anteprima 5
  • Audi Sport quattro “Pikes Peak” - Walter Rohrl - anteprima 6

Le celebrazioni che festeggiano nel 2009 i 100 anni di Audi prevedono anche un ospite d'eccezione, il rallista Walter Rohrl che proprio al volante dell'Audi ha ottenuto alcune delle sue più importanti vittorie. Rohrl, considerato da molti una vera e propria leggenda dei rally ha dato la sua disponibilità per guidare in quattro eventi europei le vetture da corsa con i quattro anelli che lo hanno visto protagonista nel mondiale rally degli Anni 80.

Eccezionalmente prelevate dalla collezione Audi Tradition, le fantastiche vetture da corsa di Ingolstadt saranno messe a disposizione del campione tedesco per poter deliziare la vista e l'udito delle migliaia di appassionati che assieperanno i lati delle quattro importanti manifestazioni per auto storiche: l'unica al di fuori della Germania è il famoso Goodwood Festival of Speed (3-5 luglio) in Inghilterra, mentre le altre tre tappe del tour-nostalgia sono l'Heidelberg Historic (9-11 luglio), "100 years of Audi" al Donauring di Ingolstadt (18 luglio) e l'Eifel Classic rally (1-3 ottobre), con partenza dal Nürburgring.

Proprio sull'ormai famosa corsa in salita che si tiene ogni anno all'interno del circuito inglese di Goodwood, Rohrl piloterà alla sua maniera la Audi Sport quattro "Pikes Peak" con cui nel 1987 pennellò alla perfezione le 126 insidiose curve della più famosa cronoscalta americana in un tempo totale di 10'47"85, record battuto in maniera consistente solo sette anni dopo. L'eccezionalità dell'impresa ottenuta alla Pikes Peak dall'accoppiata Audi/Rohrl è testimoniata anche dal fatto che il "maestro della derapata" era alla sua prima ed unica partecipazione e che, per sua ammissione, ha commesso degli errori costatigli circa 25 secondi; oggi, dopo ventidue anni di evoluzione tecnologica, il record è sceso a 10'01"41.

Oltre alla mostruosa, ultima S1 del record in altura, Walter Rohrl si esibirà al volante della Audi quattro A2, portata alla vittoria dal tedesco al debutto nel Monte Carlo '84 e alla guida della Audi Sport quattro S1, vittoriosa solo con Rohrl al Sanremo '85. Curioso è il fatto che il pilota di Regensburg sia diventato una bandiera della Audi e della sua trazione integrale "quattro" con una manciata di prestazioni leggendarie, nonostante sia diventato campione del mondo rally guidando la Fiat 131 Abarth e la Opel Ascona 400, trazioni posteriori di vecchia scuola.

Le Audi che chiudono la carriera di Rohrl sono la 200 quattro TransAm da 635 CV condotta nel campionato americano fino a conquistare 2 vittorie e la mostruosa Audi 90 quattro IMSA-GTO da 700 CV con cui il campione tedesco sigla tre splendidi primi posti.
L'eccezionale partecipazione di Walter Rohrl, ora uomo Porsche, alle celebrazioni per i 100 anni del marchio Audi si inserisce nell'ambito degli eventi voluti per ricordare il secolo trascorso da quando, il 16 luglio 1909, August Horch fondò l'Audi, confluita nell'AutoUnion nel 1932 assieme a Horch, DKW e Wanderer

Audi Sport quattro “Pikes Peak” - 1987

Walter Röhrl piloterà alla sua maniera la Audi Sport quattro “Pikes Peak” con cui nel 1987 pennellò alla perfezione le 126 insidiose curve della più famosa cronoscalta americana in un tempo totale di 10'47"85, record battuto in maniera consistente

Autore:

Tag: Curiosità , Audi , auto storiche , piloti


Top