dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 9 aprile 2009

Acura ZDX: la risposta alla X6

Il marchio premium di Honda per gli USA prepara un SUV-coupé

Acura ZDX: la risposta alla X6
Galleria fotografica - Acura ZDX conceptGalleria fotografica - Acura ZDX concept
  • Acura ZDX - anteprima 1
  • Acura ZDX - anteprima 2
  • Acura ZDX - anteprima 3
  • Acura ZDX - anteprima 4
  • Acura ZDX - anteprima 5
  • Acura ZDX - anteprima 6

X6 stiamo arrivando. Sembra questo il grido di battaglia della Acura ZDX, il concept di SUV coupé che il marchio premium di Honda ha presentato al Salone di New York in forma di concept e diventerà realtà in autunno avendo nel mirino la BMW e il suo modello sportivo a ruote alte.

Lunga 4,89 metri, larga 1,99 e alta 1,57, la ZDX ha un passo di 2,74 metri e ha uno stile che mette insieme motivi già visti su altri modelli Honda, come i paraurti a punta, insieme ad altri come i parafanghi rimarcati da uno spigolo superiore (che ricordano le nuove Mazda), che avvolgono le ruote con cerchi a nove razze con pneumatici Michelin Latitude HP 275/40ZR 20, e la portiera posteriore con la maniglia nascosta (Alfa Romeo docet). Non mancano i tocchi di originalità come i profili in metallo posizionati in basso ai lati del paraurti posteriore che incorporano i terminali di scarico e fari che presentano un soluzione davvero originale. La parte centrale del faro perimetrale sembra infatti una modanatura metallica, invece è un altro faro con lente verniciata ad effetto cromo che diventa rossa quando si illumina. Una soluzione simile si ritrova nei gruppi ottici anteriori che da spenti appaiono privi di proiettori e invece contengono 4 grossi LED. Altri 5 LED li troviamo incastonati ai lati della presa d'aria incorporata nel paraurti anteriore. Ad ogni modo, non ci illudiamo: la ZDX di serie avrà proiettori circolari in entrambi i casi. La Acura, a questo proposito, diciamo che si è leggermente "tradita" con alcune immagini scattate in penombra le quali però ci rassicurano su un fatto: la ZDX di serie sarà nelle forme generali praticamente identica al concept di New York. L'unico elemento che potrebbe far storcere la bocca è il lunotto spezzato che sarà pratico, ma ricorda la Honda Insight.

Decisamente raffinato e avvolgente è l'abitacolo a 5 posti sovrastato dal tetto panoramico e rivestito in pelle bianco perla. C'è un massiccio tunnel centrale a dividere i due sedili anteriori e troviamo una plancia simile nei concetti ad altri modelli Honda e Acura con la strumentazione retroilluminata in azzurro e i comandi centrali sistemati intorno a un grosso joystick e sotto lo schermo che consente di visualizzare e interagire con il navigatore satellitare dotato di riconoscimento vocale, il sistema audio ELS Surround, il telefono Bluettoth, la climatizzazione e persino l'AcuraLink Real-Time Traffic and Weather, che fornisce notizie meteorolgiche e sul traffico, e il sistema di visione posteriore tramite telecamera. Tutti questi dispositivi si ritroveranno, giurano quelli della Honda, sulla ZDX di serie insieme al sistema che monitora l'angolo che risulta buio anche ai retrovisori laterali. Nuova e di ispirazione BMW è la feritoia per inserire la chiave accanto al pulsante di avviamento. Pratico e raffinato anche il vano di carico con il piano a filo con la soglia e dotato di doppio fondo insieme a un sistema di abbattimento dei sedili che mantiene perfetta la regolarità del bagagliaio in ogni configurazione.

Quanto alla meccanica, il motore è un V6 che sulla versione di serie sarà - presumibilmente - il 3,7 litri V-TEC da 300 CV che equipaggia anche la MDX (un SUV a 7 posti) che con la ZDX condivide anche il resto del pianale. Non è esclusa l'adozione di altri propulsori come il 4 cilindri 2,3 litri da 240 CV della RDX, dotato di un originale turbocompressore a flangia variabile, e di un ibrido. La novità sarà un nuovo cambio automatico a 6 rapporti con modalità sequenziale attraverso leve dietro al volante. La trazione sarà naturalmente integrale con il sistema intelligente SH-AWD (Super Handling All-Wheel-Drive) che regola i trasferimenti di coppia non solo tra i due assali, ma anche tra le ruote posteriori. Un sistema che concettualmente ricorda quello impiegato proprio sulla X6, ma che la Honda è stata la prima ad adottare 3 anni fa per la prima volta sulla Honda Legend.

Appuntamento dunque in autunno per la ZDX, ma solo al di là dell'Atlantico.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Honda


Top