dalla Home

Attualità

pubblicato il 8 aprile 2009

Terremoto Abruzzo: Aggiornamento viabilità

Continua il lavoro per ridurre i disagi sulle vie di comunicazione e la solidarietà

Terremoto Abruzzo: Aggiornamento viabilità

Le autostrade abruzzesi sono tornate ad essere percorribili, ma solo per le autovetture e ad esclusione del tratto tra Assergi e L'Aquila Ovest che resta chiuso in entrambe le direzioni. Le nuove scosse di terremoto che si sono abbattute anche nelle scorse ore sulla regione abruzzese già martoriata dal forte sisma di lunedì non hanno causato ulteriori blocchi alla circolazione, ma ancora molte strade, in particolare quelle statali, restano chiuse al traffico e i lavori per risanare gli ingenti danni proseguono senza sosta da ormai 4 giorni.

Tutti i mezzi di soccorso e le auto circolano regolarmente sulle autostrade abruzzesi. I mezzi pesanti possono circolare sulla A24 tra il bivio A24/A1 e il bivio A24/A25 in direzione Roma e sull'A25, sempre verso Roma, nel tratto compreso tra Pratola Peligna e l'allacciamento A24/A25. Sulla A24 Roma - L'Aquila, i mezzi pesanti possono transitare nel tratto tra l'allacciamento A24/A1 e l'allacciamento A24/A25, solo verso Roma. Le automobili circolano regolarmente, sia verso Roma sia verso L'Aquila, fatta eccezione per il tratto compreso tra L'Aquila ovest eAssergi , che rimane chiuso in entrambe le direzioni, mentre continuano ad essere in corso verifiche strutturali dei viadotti dell'area interessata dal sisma. Sulla A25 Roma - Pescara, il transito è regolare per i veicoli leggeri in entrambe le direzioni su tutto il tratto autostradale. Nel tratto tra Sulmona e Bussi Popoli si transita attraverso uno scambio di carreggiata e in quello Pratola e Bussi-Popoli è vietato il transito ai mezzi superiori alle 3,5 tonnellate, in quanto sono in corso verifiche strutturali dei viadotti. I mezzi pesanti possono transitare, solo in direzione di Roma, nel tratto compreso tra PratolaPeligna e l'allacciamento A24/A25.

Per quanto riguarda la situazione delle strade in gestione all'Anas nella regione, si conferma la chiusura della strada statale 5 "Tiburtina Valeria" dal km 160,900 al km 169,300 nelle Gole di San Venanzio, tra Molina e Raiano, per frane sul piano viabile. La strada è precauzionalmente ancora chiusa per pericolo incombente di caduta massi ed è stato chiesto un volo esplorativo alla protezione civile locale con i geologi della Regione per valutare il grado di rischio. Al termine dei sopralluoghi si potrà stimare l'eventuale intervento propedeutico alla riapertura. Permane, inoltre, la chiusura della stessa statale 5 "Tiburtina Valeria" dovuta ai danni strutturali presenti sul viadotto a Corfinio, dal km. 176,000 al km. 176,400. "I tecnici dell'Anas stanno stimando gli interventi più urgenti, ma è necessaria un'ispezione accurata - si legge in una nota - Per questo motivo, al momento non è ipotizzabile una data per l'apertura".

L'invito agli automobilisti rimane quello di non mettersi in viaggio per raggiungere l'Abruzzo - se non strettamente necessario - per agevolare i soccorsi. Tutti quanti sono in viaggio possono mantenersi aggiornati sulle condizioni di viabilità rimanendo sintonizzati su Isoradio, oppure chiamando il Centro Infoviabilità di Autostrade al numero 840.04.21.21. Notizie aggiornate sono disponibili anche sul sito internet www.autostrade.it o al numero verde CCISS 1518 e su www.stradeanas.it, raggiungibile anche tramite il numero unico Pronto Anas 841.148.

A tutti coloro che vogliono aiutare i terremotati ricordiamo che possono farlo tramite SMS o bonifici bancari. Anche l'Asaps (Associazione Sostenitori Amici della Polizia Stradale) è intervenuta sul posto attraverso i propri volontari della sezione di Reggio Emilia (dove ha sede il Gruppo di protezione sociale) e chi vuole può versare un contributo in denaro direttamente sul seguente conto corrente bancario: CARIGE Reggio Emilia (Dipendenza 352) - Conto corrente nr. 2580 intestato a ASAPS Reggio Emilia - Codice Iban IT61Z0617512802000000002580 - Causale del versamento: Aiuti pro-terremotati dell'Abruzzo.
Un contributo alle istituzioni coinvolte nelle azioni di recupero è arrivato stamattina anche da Nissan Italia che ha donato un pick-up NP300 alla Croce Rossa Italiana, impegnata al fianco della Protezione Civile e delle altre associazioni di volontariato coinvolte nelle faticose operazioni di soccorso.

Autore:

Tag: Attualità , terremoto abruzzo


Top